Il fenomeno letterario di fine anno, in Francia, è un breve saggio di Stéphane Hessel, intitolato “Indignez-vous!”.

Novantatreenne, protagonista della Resistenza francese, co-redattore della Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo, ambasciatore di Francia, Stéphane Hessel è riuscito, nel giro di poche settimane, ad incantare 650.000 lettori francesi (fonte Le Monde). Pubblicato con una tiratura iniziale di 8.000 copie, le (sole) 28 pagine del suo saggio hanno il fascino dell’essenziale.

L’indignazione, afferma Heissel, è stato il motivo essenziale della Resistenza, ma quella stessa indignazione dovrebbe alimentare i nostri animi, di fronte alle dinamiche del mondo moderno.

Il dito è puntato, oltre a questioni nazionali, su temi di carattere globale: il crescente ed inaccettabile divario tra i (pochi e sempre più) ricchi e la moltitudine di poveri, lo stato del pianeta, il trattamento riservato agli immigrati, la corsa alla competizione che alimenta ormai le dinamiche sociali, la progressiva riduzione delle pensioni.

Poche parole, chiare, essenziali, che consentono di cogliere la drammaticità di una situazione che, ancorché reale, è ormai oggetto di una sorta di assuefazione tale da non provocare più in tutti noi neanche quel sentimento che le è strettamente connaturale: l’indignazione, appunto.

L’invito finale dell’autore è quello di dare inizio ad una “insurrezione pacifica”. Una insurrezione di valori, che, però, si rifletta concretamente sul nostro comportamento quotidiano. La responsabilità più grave di quanto sta accadendo, infatti, è da lui individuata nella nostra indifferenza.

L’invito di Hessel, in Francia, è stato accolto con un successo editoriale che vanta pochi precedenti, segno di un Paese ancora attento, e non del tutto indifferente, a certi valori.

E noi… per cosa siamo ancora capaci di indignarci?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giordano Sangiorgi e i cantautori degli anni Zero

prev
Articolo Successivo

Il meglio cinema del 2010

next