Presidio permanente dalla mattina di martedì 16 novembre, di una delegazione dei malati di Sla (Sclerosi laterale amiotròfica), davanti al ministero dell’Economia, dove da oltre due anni è sepolta la pratica della revisione dei Lea (livelli essenziali di assistenza). Già il 21 giugno scorso, Gianni Letta promise una rapida risoluzione per un dramma che coinvolge cinquemila famiglie in Italia. Sla vuol dire: aver bisogno di assitenza totale 24 ore su 24. Perciò i manifestanti chiedono fondi e l’approvazione dei Lea. In serata è stata ricevuta al ministero dell’Economia una delegazione dell’associazione Viva la vita Onlus, che riferisce: “Il ministero si è impegnato a presentare un emendamento alla legge di stabilità, così da poter stanziare 100 milioni di euro a favore di queste famiglie”. Il presidio continuerà fino a che l’impegno non sarà messo nero su bianco.
Servizio di Giampiero Calapà e Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Partite & partiti, Beha: “Stadi pieni e urne vuote”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi Jr parla di Marina: “Nessun pericolo monarchia”

next