Presidio permanente dalla mattina di martedì 16 novembre, di una delegazione dei malati di Sla (Sclerosi laterale amiotròfica), davanti al ministero dell’Economia, dove da oltre due anni è sepolta la pratica della revisione dei Lea (livelli essenziali di assistenza). Già il 21 giugno scorso, Gianni Letta promise una rapida risoluzione per un dramma che coinvolge cinquemila famiglie in Italia. Sla vuol dire: aver bisogno di assitenza totale 24 ore su 24. Perciò i manifestanti chiedono fondi e l’approvazione dei Lea. In serata è stata ricevuta al ministero dell’Economia una delegazione dell’associazione Viva la vita Onlus, che riferisce: “Il ministero si è impegnato a presentare un emendamento alla legge di stabilità, così da poter stanziare 100 milioni di euro a favore di queste famiglie”. Il presidio continuerà fino a che l’impegno non sarà messo nero su bianco.
Servizio di Giampiero Calapà e Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Partite & partiti, Beha: “Stadi pieni e urne vuote”

next
Articolo Successivo

Berlusconi Jr parla di Marina: “Nessun pericolo monarchia”

next