Al teatro Valle, a Roma, ieri sera, ho provato un momento di autentica gioia: uno stralunato, ribaldo, mellifluo, sublime e atroce e commovente e travolgente, Fabrizio Gifuni, ha dato voce e corpo, per la regia di Giuseppe Bertolucci, alla rabbiosa eleganza con cui Carlo Emilio Gadda, racconta come e qualmente “il Bombetta andò al potere e vi si mantenne, lasciando che il paese andasse in completa rovina”. Il copione è tratto, oltre che dai diari di guerra, dalle pagine di “Eros e Priapo”(scritto nel 1945, pubblicato nel 1967), romanzo/referto che, utilizzando una lingua forbita fino allo spasimo, ritmata e contrastata da inserti vernacolari e duecenteschi e invenzioni beffarde, analizza la psicologia profonda del Duce, le sue tecniche di seduzione populista, la sua voracità, il suo narcisismo, la sua sfrenata libidine, per il potere, per le donne. E infine la sua intima, drammatica, mediocrità. E’ l’eros che degenera in Priapo, in smaccata esibizione di sé, quello che anima le gesta del “mascellone”. E gli italiani, carne da guerra, mal calzati e pigri e pasticcioni ma disponibili e perfino coraggiosi nel farsi ammazzare per nessuna idea, ricevono la loro dose di pietà. Ce n’è per tutti, di pietà, nell’empatico mondo della letteratura. Vinti e vincitori, vittime e assassini, servi e oppositori. E perfino per Lui, “il folle narcissico”, incapace di conoscere gli altri, né i suoi, né i nemici, “perché la pietra del paragone critico, in lui, è una smodata autolubido”.

Rideva, la platea, riconoscendo la nostra seconda dittatura, quest’altro ventennio, merdosetto e apparentemente figlio(degenere) della democrazia che i padri costituenti ci hanno conquistato e organizzato. Tutto il teatro, ultima ecclesia rimasta, a celebrare il dolore e il desiderio di riscatto dei laici, vibrava insieme all’attore/autore Gifuni, solo sul palcoscenico, come l’officiante di una cerimonia edificante.

Ho pensato: è bello amare i libri. Conoscerli. Saperli leggere. Saperli usare. E’ con la cultura che si resiste all’abominio di questo Paese degradato e incanaglito. Con la letteratura, il teatro, il cinema. La rabbia e l’arte. Ecco, sì… la rabbia e l’arte. Andate al Teatro Valle, a condividere un momento di felicità. Con gli altri. Fra simili. Fino al 14 novembre. Titolo: “L’ingegner Gadda va alla guerra o della tragica istoria di Amleto Pirobutirro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perché Obama ha perso

next
Articolo Successivo

Carlos, il terrore è con noi

next