A Terzigno è tornata la calma dopo l’irruzione delle forze dell’ordine che volevano sgomberare i blocchi stradali per riaprire la strada verso la discarica Sari. Quattro camionette della polizia e dei carabinieri, con altre tre auto, sono riuscite a passare il blocco creato dai manifestanti. Qui alcuni cittadini avevano realizzato una barricata a cui era stato appiccato il fuoco. Altri blocchi erano stati fatti con cumuli di terreno alti circa un metro e mezzo o con auto poste di traverso sulla carreggiata, mentre sulla strada che collega San Giuseppe Vesuviano a Terzigno è stato messo un camion danneggiato nei giorni scorsi.

Dopo l’intervento delle forze dell’ordine, alcuni manifestanti hanno reagito con lanci di sassi e bottiglie: “Hanno caricato donne con le mani alzate”, ha detto alle agenzie di stampa uno dei manifestanti, “una donna si è sentita male ed è stata soccorsa con l’ambulanza”. Resta al momento un presidio formato da oltre 200 persone.

Intanto sono stati contati i mezzi per la raccolta dei rifiuti danneggiati tra ieri pomeriggio e le prime ore di oggi. Sono sedici in totale. Nove i mezzi con le gomme forate. Cinque camion sono stati invece danneggiati all’altezza della fermata della circumvesuviana mentre un altro è stato compromesso nelle immediate vicinanze della stessa fermata. Per via del blocco alla discarica a Napoli, e in particolare nel centro storico, restano e crescono i cumuli di rifiuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Abu Omar: sì ai verbali “omissati”
degli agenti del Sismi

next
Articolo Successivo

Napolitano: “L’impegno per l’università non sia soltanto a parole”

next