Il Tribunale del riesame di Milano ha accolto la richiesta di arresto per l’ex patron di Parmalat, Callisto Tanzi. Il provvedimento era stato proposto dalla procura generale e dal Pm, Eugenio Fusco. Per il momento comunque Tanzi non andrà in carcere in attesa del ricorso alla Corte di Cassazione che faranno i suoi difensori nei prossimi giorni. In un primo momento il Tribunale del riesame aveva respinto la richiesta di arrestare Tanzi, poi il cambiamento di rotta dopo che la Corte di Cassazione aveva rimandato gli atti per ulteriori esami.

La procura generale di Milano, già un paio di settimane fa aveva chiesto il carcere per l’ex patron di Parmalat. A maggio scorso, nel secondo grado del processo, erano stati confermati i dieci anni di reclusione, più un risarcimento danni di oltre100 milioni di euro da versare ai risparmiatori truffati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Le tecnologie assicurino il giusto processo”
Napolitano al Forum giustizia elettronica

next
Articolo Successivo

Bontate, Provenzano e gli orfani piangenti

next