Il presidente georgiano Mikheil Saakashvili dice di non essere d’accordo con Silvio Berlusconi. Il premier italiano non gli ha salvato la vita nell’agosto 2008, in occasione del conflitto tra lo stato caucasico e la Russia.

“Ho sentito Silvio Berlusconi dire molte volte, e lo ha detto di nuovo nel Parlamento italiano, che ha fatto molto per l’umanità e per l’Italia e che la sua principale conquista è stata di aver salvato Saakashvili dall’impiccagione all’albero più alto di Tbilisi”, ha detto Saakashvili venerdì in un briefing con il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen, secondo quanto riferisce l’agenzia Interfax. Secondo Saakashvili gli eventi dell’agosto 2008 minacciarono l’intera Georgia, non solo il suo presidente. “La comunità internazionale fece tutto il possibile per evitare (la guerra). Gli Usa mandarono la loro flotta nelle acque territoriali georgiane, furono prese misure molto tempestive ed efficaci” ha detto il presidente georgiano. “Quanto alle parole di ieri di Silvio Berlusconi, posso solo confermare che è molto amico di Vladimir Putin”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Di Pietro: “Sanzioni a mio discorso? Il premier è un dittatore”

prev
Articolo Successivo

Prato, tre morti nel sottopasso allagato

next