Non abbiamo calcato la mano sui soliti cliché verbali, perché era una strada già tante volte battuta dalle commedie nostrane: i contrasti Nord-Sud nel nostro paese sono molto antichi e il film vuole raccontare l’Italia di oggi mostrando aspetti più ridenti, più leggeri rispetto al tono delle attuali contrapposizioni politiche sull’argomento“. Parola di regista, Luca Miniero, che ci dà il Benvenuti al Sud, da domani in sala.

Ma è dunque possibile trasformare una commedia francese sugli stereotipi Sud-Nord in una commedia italiana sugli stereotipi Nord-Sud? Sì, e con (qualche) successo, perché l’avventura in solitaria di Miniero, per una volta senza Genovese, è migliore dell’originale d’Oltralpe, il campione d’incassi Giù al Nord di Dany Boon – qui in cammeo – che fu distribuito due anni fa.

Dalla sua, un cast quasi formidabile, almeno per alchimia e risate, che conferma l’istrionica duttilità di Claudio Bisio, l’assertività ironica di Angela Finocchiaro, la sensualità calma di Valentina Lodovini e il particolare – leggi regionale – talento di Alessandro Siani, ai suoi massimi. Ancora meglio i caratteristi di contorno, cui spetta un napoletano più napoletano del vero nella bella cornice di Castellabate, dove finisce confinato il direttore postino Bisio, reo di millantata disabilità in quel di Usmate.

Riderete non poco, a patto di non dare al film il benvenuto nella realtà: stereotipi, enfasi dialettali, luoghi più che comuni sono così tirati, triti e perfino grotteschi da non conservare nulla della “diversità di latitudine” da cui muovono. Eppure, gli attori non concordano: “Quando ho letto il copione la prima volta il mio personaggio si chiamava Ciro… fortunatamente, poi è diventato Mattia. Comunque, qui non c’è quel che abitualmente vediamo al Tg quando si parla dei napoletani, come i soliti cinque su un motorino: ogni tanto mi chiedo se abbiano un appuntamento con le telecamere…“, puntualizza Siani, mentre per Bisio “è un film che invita al gusto di conoscere: mi piacerebbe che i politici lo vedessero, ma non è detto che ne comprenderebbero il sarcasmo“.

Legittime opinioni, ma crediamo sarete i Benvenuti non nelle intenzioni sociologiche ma negli esiti di commedia surreale: Nord versus Sud, nella penisola che non c’è.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La narrazione e la vita nascosta

next
Articolo Successivo

E’ zoppo il gigante di Martone

next