Via i simboli padani dalla scuola di Adro. Alla fine il ministro all’Istruzione Mariastella Gelmini ha deciso: “Ho chiesto al sindaco di rimuovere i simboli del sole delle Alpi dalla sua scuola, perché possono sembrare simboli di partito. Il sindaco ha replicato che sono i simboli del suo territorio, ma noi ne abbiamo chiesto la rimozione per evitare equivoci”.

In una lettera del direttore dell’ufficio scolastico della Lombardia Giuseppe Colosio, si dà atto al sindaco Oscar Lancini di aver realizzato “attrezzature didattiche all’avanguardia”, ma si spiega pure che non può essere nascosto il fatto che “il sole delle Alpi” è uno dei simboli utilizzati dalla Lega, il movimento politico al quale appartiene la maggioranza dell’amministrazione comunale di Adro. La missiva fa poi riferimento all’attenzione mediatica di questi giorni e sottolinea che è dovere dell’amministrazione evitare che la politica di parte entri nella scuola: la delicatezza della funzione – si legge nel testo – impone di intervenire anche in caso di solo sospetto, per evitare ogni possibile strumentalizzazione.

Il sindaco del comune del bresciano, stupito per la decisione del ministro, ha commentato: “Dalle dichiarazioni del ministro mi pareva di aver capito che avesse preso atto che il simbolo del Sole delle Alpi è del territorio e non di partito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I tre, anzi quattro, forni di don Raffaè

prev
Articolo Successivo

Brambilla incentiva i campi da golf. Un’idea del suo amico albergatore Bernabò Bocca

next