Gentilissimo sindaco Flavio Tosi,

sono il dott. Luca Faccio da Bassano del Grappa.

Ho avuto il piacere di recarmi a Verona il 12 settembre 2010 per assistere al bellissimo concerto di Fiorella Mannoia che si è svolto in Arena. In attesa dell’inizio del concerto dopo aver fatto uno spuntino nella splendida piazza Brà con dei tramezzini preparati da mia moglie Annalisa Nesi, prima di entrare in Arena e prendere posto, ho sentito la necessità di espletare alcuni bisogni fisiologici e così come ogni volta quando usciamo con mia moglie abbiamo dovuto iniziare la “caccia al bagno accessibile” visto che ho un handicap motorio e per spostarmi uso la sedia a rotelle . Passeggiando per Piazza Brà alla ricerca del bagno abbiamo notato un cartello con scritto “wc”, dentro di me ho pensato: ci siamo. Ma l’entusiasmo è svanito rapidamente perché per poter raggiungere i servizi bisognava scendere attraverso una scala ripida e priva di monta scale perciò per me impraticabile.

Per caso ci accorgiamo che vicino alla scala c’è un sollevatore ci avviciniamo e proviamo a suonare come viene indicato ma il pulsate non funziona e di conseguenza non arriva nessuno e poi per me mancava la struttura dove fissare la carrozzina per poi scendere nei bagni. Debbo ringraziare una coppia di ragazzi che mentre premevamo il pulsante per vedere se arrivava qualcuno si sono avvicinati e ci hanno indicato che lì vicino c’era un McDonald con i servizi igienici accessibili ed attrezzati per le persone disabili.

Dopo averle illustrato sinteticamente la vicenda, signor Sindaco le chiedo di intervenire affinché l’elevatore in questione entri in funzione.

In attesa di una sua risposta scritta, la ringrazio anticipatamente

 Cordiali Saluti,

 dott. Luca Faccio

P.S.: Questa lettera e la sua attesa risposta saranno pubblicate sul mio blog su ilfattoquotidiano.it.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il rettore che vuole laureare Bossi
“sfiduciato” dal suo ateneo

next
Articolo Successivo

Sindacalisti in prima linea, in Sicilia il nuovo Placido Rizzotto fa paura a Cosa nostra

next