Io credo che le persone creative siano come delle antenne capaci di percepire l’invisibile. Credo anche che la creatività sia quasi come una necessità impellente, hai bisogno di tirarla fuori per non impazzire. Le due cose non sono in contraddizione dato che l’antenna non è fatta per accumulare bensì per captare e divulgare, e se non assolve a questo ruolo va in crisi di identità.

Per conoscere meglio Fabio Novembre clicca qui

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Se lanci una moneta in aria

next
Articolo Successivo

E se facessimo a meno degli editori?

next