La mamma è la nostra prima casa, il nostro primo cibo, la soglia di ingresso nel mondo, la prima guida alla sua scoperta. La mamma ti aiuta incondizionatamente, ti spiega tutto, è la tua famiglia. Ecco, mia madre è stata per me tutto questo. Mentre io crescevo e lei invecchiava mi sarebbe piaciuto riequilibrare almeno in parte tutto quello che da lei ho ricevuto. Mi sarebbe piaciuto spiegarle come sono diventato grande, come ho formato il mio pensiero, a che
cosa dedico le mie azioni. Forse non sono mai riuscito a farlo pienamente perché comunque, attraverso gli occhi di una madre, i figli non vanno mai oltre l’adolescenza. Per quanto ci si sforzi, il sorriso bonario che appare sul viso di una madre quando i discorsi si fanno più complessi ha sempre quel significato che aveva sin da bambino: «Avrai fame, ti preparo qualcosa».
Tratto dal libro “Il design spiegato a mia madre” di Fabio Novembre, Ed.Rizzoli
Se vuoi conoscere meglio Fabio Novembre vai anche su http://www.ionoi.it/index.php
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonio Pennacchi: “Vendola? Perfetto per perdere”

next
Articolo Successivo

Un pezzo di Mediterraneo in provincia di Cuneo

next