Negli anni ’80 Andrea Pazienza disegna ‘Pertini’ per la rivista Frigidaire (recentemente ricomparsa in edicola come mensile autonomo, ancora sotto la direzione di Sparagna e con fantastici satiri come Franzaroli e Fabbri): le strisce di Pert e Paz, in cui il disegnatore si immaginava partigiano accanto al Prep (presidente della repubblica, appunto) sono rimaste celebri.
20 o 30 anni dopo ho provato a riprendere l’accoppiata, attualizzandola. E così ecco Nap e Nat in cui Pertini è vistosamente sostituito dal partigiano Napolitano, i tedeschi e i fascisti di allora lasciano il posto ai berlusconiani (e non solo) di oggi, il bistrattato Paz è sostituito dal povero Nat che le prende al posto suo. Le tavole di Pazienza erano autoconclusive, io invece resto tra le 4 e le 5 tavole. Le tavole di Pazienza erano una goduria, il mio un semplice omaggio.
In questo primo episodio, disegnato per gli amici di ScaricaBile, ecco uno dei piani che gli sgangherati partigiani mettono in atto al fine di rovesciare il governo o almeno il premier o quel che ne rimane. La seconda puntata – perchè c’è una seconda puntata – la prevedo entro la prossima settimana: ‘è scoppiato un casino a bordo della resistenza’ era uno dei tormentoni di Pert e Paz. Il motto resta anche in queste tavole, chè di casini ne scoppiano ogni giorno di più. Forse la resistenza non è più quella di una volta.
Ogni riferimento a fatti, persone, cose e autori realmente esistenti e accaduti è puramente casuale.
Se vuoi leggere altre cose di Mario Natangelo vai su natangelo.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

U’viecchiu

next
Articolo Successivo

Il ‘fasciocomunista’ Pennacchi: “Vendola? Perfetto per perdere. E’ solo un narciso”

next