Condannato a 3 anni e otto mesi in appello per le violenze alla scuola Diaz e a un anno e due mesi per induzione alla falsa testimonianza. Spartaco Mortola merita una promozione. Dopo aver fatto già un primo scatto di carriera diventando vice questore a Torino ora il suo nome  sarebbe in una lista di cinque persone che per questo parteciperanno a maggio al corso di formazione nazionale in programma a Roma.
Spartaco Mortola, tra le altre condanne, è stato giudicato colpevole anche per le falsità da lui sostenute  in ordine al ritrovamento delle bottiglie molotov alla scuola Diaz e per gli arresti illegittimi dallo stesso definiti solo come “forzature giuridiche”.

Contro il nuovo riconoscimento per l’ex capo della Digos di Genova nel 2001 insorge Roberto Traverso, segretario del sindacato di polizia Silp Cgil: “Lui va avanti mentre la truppa abbandonata deve fronteggiare la sfiducia dei cittadini. Altro che promozione dovrebbero essere immediatamente richieste le sue dimissioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il merchandising della tensione

next
Articolo Successivo

La morte sul treno e le scelte incomprensibili

next