Non drammatizziamo, è solo “questione di buona educazione”. La versione odierna di Bondi è truffautiana (traduzione italiota), e anche manzoniana: questo incontro non s’ha da fare. Quello tra il ministro dei Beni e Attività Culturali e il nostro meglio giovane attore, Elio Germano: premiato a Cannes per il furbetto del cantierino de La nostra vita, aveva volontariamente escluso dalla dedica “la nostra classe dirigente”, facendo stracciare le vesti a nani, ballerine, lacchè e altri stimati esponenti di rotta e di governo.

Assente dalla Croisette per i panni sporchi lavati Oltralpe da Draquila, Bondi comunque aveva mal digerito, trovandosi la fronte spaziosa, ma non alta imperlata di un sudore rabbioso: come osa, come può?
Sbollito il roseo disappunto a furia di endecasillabi, aveva successivamente sollecitato un incontro riparatore, chiarificatore, illuminatore e via dicendo: purtroppo, non s’è fatto. Perché? Galeotto fu ‘l paletto e chi lo conficcò: “Uno non può rispondere alla domanda di un incontro mettendo paletti sul luogo. E’ una questione di buon gusto, l’educazione è una dote sempre più rara”, tuona oggi Bondi.

Sostengono le voci del solito corridoio, non si sarebbe nemmeno trovato d’accordo sull’ora – il mattino presto, che preferisce passare con Calliope e Talia destinazione Vanity Fair – e l’arma – una PPK, pur di bondiana (James…) memoria. Dicono anche che al Collegio Romano da oggi I Duellanti abbia scalzato Draquila dalla vetta dei film proibiti…


Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tom, Betta, Sara e le nuove povertà

next
Articolo Successivo

Di pesci, mari e altri acquari…

next