Cari amici del blog, oggi è morto Ndidijohn Chukwu un operaio nigeriano di 24 anni che viveva a Piacenza.

Lavorava come dipendente di una cooperativa di pulizie ed è morto una settimana dopo un grave infortunio sul lavoro cadendo in un macchinario che trita il legno e che ha irrimediabilmente schiacciato il suo corpo.

Una notizia che non merita spazio nei telegiornali: l’ ennesima vittima della guerra del lavoro consumata in luoghi mai troppo lontani e accessibili ai controlli considerati però un “lusso” soprattutto in tempo di crisi.

Da una parte donne e uomini troppo spesso obbligati ad accettare di lavorare in ogni condizione pur di guadagnare dall’altra “controllori” che preferiscono chiudere gli occhi ritenendo così magari di incentivare la produzione anche di quanti considerano il capitale umano una parte marginale del sistema: costo da giocare sempre al ribasso.

Intanto la vita di un’altra famiglia è stata violentemente spezzata nell’assordante silenzio di chi paga un prezzo troppo alto per quello che altro non è che un diritto al lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chi sta pagando la crisi

next
Articolo Successivo

Tagli a Malpensa, da Formigoni solo parole e niente promesse ai 3.000 cassaintegrati

next