/ / di

Federico Pontiggia Federico Pontiggia

Federico Pontiggia

Giornalista e scrittore

Il 14 gennaio 1978 a Seveso nevicava: la casa prese fuoco comunque. Sono stato anche a Chernobyl, dove però non sono più tornato. Sul Cavaliere Azzurro di Kandinskij il primo pezzo che ricordo. Poi, a Torino ho incontrato il cinema: sono passato dal Terzo uomo al Cattivo tenente, ci ho fatto la tesi, e tante altre cose. Oggi, sono redattore di cinematografo.it e Rivista del Cinematografo, scrivo, tra gli altri, per Rolling Stone, Carta e Il Cittadino di Monza e Brianza. Ma vivo a Roma: ricambiato

Blog di Federico Pontiggia

Cinema - 30 aprile 2016

‘Sole alto’, la storia si ripete e gioca con gli esseri umani come con le marionette

Che non si muore per amore è una gran bella verità, che si muoia per guerra altrettanto. A ricordarlo è Sole alto, scritto e diretto dal croato, classe 1975, Dalibor Matanic, vincitore a Cannes 2015 del Premio della Giuria di Un Certain Regard e candidato al Premio Lux del Parlamento europeo. È un piccolo grande film, […]
Cinema - 2 aprile 2016

‘Desconocido’, scandali bancari al cinema: gli spagnoli lo fanno meglio

Gli spagnoli lo fanno meglio: il genere. La isla mínima di Alberto Rodríguez ha recentemente tradotto la drammaturgia thriller in j’accuse sociopolitico, puntando il dito contro il passato (presente) franchista: una specie di True Detective alle foci del Guadalquivir, senza vezzi estetici, ma con rimandi etici. Un altro trionfatore ai Goya, gli Oscar iberici, è […]
Cinema - 28 febbraio 2016

‘Il club’, l’ennesimo capolavoro di Pablo Larraín

Il 19 agosto prossimo, il cileno Pablo Larraín compirà 40 anni: fino ad allora, rimarrà il più grande regista under 40 al mondo. In attesa di una doppietta da brividi, ovvero Neruda e Jackie (Kennedy), ad oggi ha firmato cinque film: il primo, Fuga, non è uscito nelle nostre sale; Tony Manero (2008) è un […]
Cinema - 26 gennaio 2016

Giornata della memoria 2016: ‘Il figlio di Saul’, senza mediazioni fino ai confini dell’orrore

Si può raccontare ancora qualcosa che ha riempito migliaia di pagine, fotogrammi, tele e teche? Forse, ma serve radicalità, coraggio e talento. Non si può ergersi come nani sulle spalle dei giganti, ma quei giganti bisogna abbatterli, senza cincischiamenti, senza clemenza alcuna. Per raccontare la Shoah come nessuno prima, László Nemes è la persona giusta. […]
Cinema - 14 gennaio 2016

Rocky, ‘Creed’ corre verso l’Oscar: suonali ancora, Sly

Quando compare, salendo dalle cantine del suo mitico ristorante Adrian’s, fa quasi tenerezza. Più che un uomo tutto d’un pezzo, è un ciocco. Ma non da ardere, perché sullo schermo ruba ancora la scena. La tenerezza, dicevamo. Le mani sono gonfie, enormi: la loro forza residua è quella di gravità. Pesano, si rifugiano in improponibili […]
Cinema - 14 dicembre 2015

Perfect Day: Bosnia 1995, Benicio del Toro e gli ‘idraulici della guerra’

Se la guerra compie ogni giorno il miracolo dell’osceno, il cinema può opporle il miracolo della scena. Stavolta la controffensiva non è affidata a un war movie canonico, bensì a una commedia o, meglio, un dramedy (crasi di commedia e dramma) bellico che, con le debite proporzioni, si mette in scia alle pietre miliari di […]
Cinema - 6 settembre 2015

Festival Venezia 2015: amore, troppo o niente. Senza coraggio cambia poco

Che cosa sarebbe un festival senza le star? Nulla. E anche fregiarsi, soli al mondo, del titolo di Mostra d’Arte Cinematografica non cambia le carte: una star non è (più) per sempre, ma svolta ancora la giornata, richiama torme di ragazzini vista red carpet e strozza in gola, quella di addetti ai lavori e giornalisti, […]
Cinema - 28 giugno 2015

Scientology finisce nel mirino. È ora di vederci chiaro

Ha vinto un Oscar con Taxi to the Dark Side, sulla politica dell’Amministrazione Bush in materia di interrogatori e, ehm, tortura. Due anni prima, nel 2008, aveva centrato la nomination con Enron: The Smartest Guys in the Room, sullo scandalo e il fallimento della corporation dell’energia stelle & strisce. Nonpago, e non domo, ha ficcato […]
Cinema - 19 giugno 2015

‘Anime nere’: per fortuna i premi servono a qualcosa

Non è vero che sono inutili, addirittura nocivi: i premi servono. Nel migliore dei casi, a riportare in vita, ovvero in sala, un film di valore che quasi nessuno ha visto. 157mila persone per 906mila euro d’incasso: fa persino male scriverlo, purtroppo è un copione trito. Così fino a oggi Anime nere di Francesco Munzi, […]
Cinema - 14 maggio 2015

Festival di Cannes 2015, Matteo Garrone: ‘Il mio film? Dall’Italia non un euro per farlo’

“Torno a Cannes, ma stavolta il festival non è la cosa più importante: io voglio le sale piene”. È un ufo nel panorama del nostro cinema, e lo ribadisce: lungi dal perpetuare snobismi autoriali, l’art pour l’art e altri cadaveri eccellenti, Matteo Garrone mette il pubblico davanti alla Palma d’Oro, e non solo perché Il […]
Lars Von Trier, buon compleanno al regista di Dogma 95. I 60 anni di un’icona folle con una idea ribelle di cinema
Alicia Vikander, dopo Angelina Jolie sarà lei la nuova Lara Croft nel reboot di Tomb Raider (FOTO)

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×