In Gran Bretagna Facebook ha dichiarato guerra alla Bbc. Un’inchiesta dell’emittente televisiva ha dimostrato come il sistema di segnalazione di contenuti non appropriati dei social network non funziona come dovrebbe. In particolare, su 100 foto pedopornografiche segnalate ai moderatori, ne sono state rimosse solo 18. A quel punto la Bbc ha contatto Simon Milner, direttore della policy di Facebook, per chiedergli un’intervista sul tema. Milner ha accettato, a condizioni di ricevere prima le immagini oggetto della contestazione. Una volta avute “le prove”, come racconta la stessa Bbc, il direttore della policy ha rifiutato l’intervista e ha denunciato la stessa emittente televisiva alla National Crime Agency “per aver distribuito immagini di sfruttamento minorile”, come ha dichiarato in una nota.

L’inchiesta della Bbc su come Facebook venga utilizzato dai pedofili per diffondere contenuti non appropriati risalgono in realtà a inizio 2016, quando già avevano tentato di mettersi in contatto con Milner per avere spiegazioni. L’emittente aveva constato che l’80% delle foto pedopornografiche pubblicate non venivano poi rimosse. Un dato confermato anche da quest’ultima e più recente verifica. “La Bbc stava aiutando Facebook a ripulire la rete da materiale che non dovrebbe essere lì, ed è stata denunciata. Straordinario!” È il commento di Damian Collins, presidente della Comitato parlamentare inglese per i media, che ha detto anche di nutrire “seri dubbi” sul fatto che il sistema di moderazione dei contenuti sul social network sia effettivamente efficace.