Con il suo voto aveva fatto andare sotto il Movimento 5 Stelle a Ragusa proprio quando c’era da approvare una variazione di bilancio per alcuni milioni di euro. E adesso per la consigliera comunale Maria Rosa Marabita arriva la sospensione dal M5s. A deciderlo il collegio dei probiviri, che ha comunicato la sua decisione con un comunicato diffuso dall’ufficio stampa del M5s all’Assemblea regionale siciliana.

“Il collegio dei probiviri del M5S ha sospeso per 12 mesi, a partire dal 2 febbraio, la consigliera del consiglio comunale di Ragusa, Maria Rosa Marabita, in seguito alle dichiarazioni rilasciate recentemente nel corso di alcune sedute del consiglio comunale”, si legge nella nota diffusa dai pentastellati. Le dichiarazioni alle quali fanno riferimento i probiviri sono probabilmente quelle pronunciate in municipio dalla Marabita il 30 gennaio scorso, quando aveva tentato di occupare l’aula, accusando l’amministrazione guidata dal sindaco Federico Piccitto di”essere casta“, perché “non si è fatto nulla per i cittadini”.

Entrata in carica soltanto nel settembre scorso dopo le dimissioni di un collega, Marabita è la stessa consigliera che alla vigilia di Natale aveva votato contro alcune variazioni di bilancio, suddivise in quattro delibere, che valevano in totale 20 milioni di euro. Un voto decisivo il suo che aveva fatto andare sotto la maggioranza pentastellata. E che aveva fatto infuriare il primo cittadino. “Il comportamento della consigliera è inspiegabile e scellerato: l’ho già segnalato ai probiviri del Movimento”, aveva detto il sindaco Piccitto. E adesso ecco la decisione dei probiviri.