Le nuove minacce di Vincenzo De Luca a Rosy Bindi? “Sono cose strabilianti”, attacca l’ex segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani. “D’altronde in questo partito ormai c’è un po’ di tutto”, ha aggiunto, amaro, il leader della minoranza Pd. “Infame, da ucciderla”, erano state le parole rivolte dal governatore dem della Campania verso la presidente della Commissione Antimafia. Minacce ancora legate al caso della lista degli “impresentabili” delle elezioni Regionali 2015, in cui il governatore dem venne inserito alla vigilia del voto perché ai tempi coinvolto nel processo legato alla vicenda Sea Park (accuse dalle quali fu poi assolto, ndr).

Ma se Bersani attacca, è il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone, in parte, a ridimensionare il caso, pur condannando la violenza verbale del presidente della Regione Campania: “Credo che non bisogna esagerare, sono parole che entrano nello stile del governatore che è una persona che spesso parla molto anche in modo viscerale. Devono essere assolutamente evitate e spero che chieda scusa in modo reale e non le ripeta mai più”.