Questa ennesima dimostrazione di celodurismo di Bentley potrebbe fare breccia anche nel cuore di Baby George, alter ego social con la puzza sotto il naso del piccolo principino inglese: parliamo del nuovo Bentayga Fly Fishing, un accessorio griffato Mulliner – il brand dedicato alle personalizzazioni delle vetture con la B maiuscola – e destinato a diventare il nuovo sogno proibito di tutti i Sampei milionari sparsi per il mondo. Trattasi di un kit da pesca extra lusso, installato nel bagagliaio del (primo) suv di Crewe.

Se quella che avete appena letto vi sembra un’introduzione un po’ sopra le righe anche per gli standard de il Fatto Quotidiano, sappiate che è giustificata da un prezzo oggettivamente fuori di testa: per avere “tutto il necessario per una giornata di pesca al fiume” – come recita il comunicato ufficiale del costruttore – servono circa 95.000 euro, poco meno del costo di una Porsche 911. Cifra che va aggiunta ai 275.000 euro necessari per comprare l’auto, per un totale di 370.000, che invece bastano per un appartamentino nel centro di Roma.

BENTLEY BENTAYGA KIT PESCA

Veniamo alle caratteristiche tecniche di questo optional, totalmente realizzato in pelle (probabilmente umana, come direbbe Fantozzi) con cuciture a mano e legni pregiati: include specifici contenitori cilindrici per le canne da pesca e comparti refrigerati ed impermeabili, ideati per trasportare tutte le attrezzature del caso. Ci sono anche un deumidificatore a controllo elettronico per conservare al meglio il pescato. Ma se serve spazio per i bagagli il Re Pescatore, o chi per lui, possono rimuovere tutto il kit e ripristinare la normale volumetria di carico.

La ciliegina sulla torta? Le luci integrate nelle portiere che, quando sono aperte, proiettano a terra il logo Bentley o la scritta preferita dal fortunato proprietario. Ricamata con uno stile nobile ma morigerato, perfettamente assortito con lo spirito dell’auto in questione…