Sono sempre più numerose le star dello spettacolo che, in giro per il mondo, fanno coming out e rendono pubblica la loro omosessualità. L’ultimo in ordine di tempo è Colton Haynes, idolo delle ragazzine, attore interprete di serie amatissime dai più giovani come Teen Wolf e Arrow. In una lunga intervista a Enternainment Weekly, Haynes ha deciso di mettere fine ai rumors che in passato avevano già diffuso dubbi sul proprio orientamento sessuali. La “colpa” era stata di una fan che, commentando su Tumblr una sua foto, aveva scrivvo “Passato gay segreto”.

Haynes, che deve alla sua continua interazione sui social parte di una fama globale, aveva risposto con un ironico “Era un segreto?”, lasciando intendere che fosse giunto il momento del tanto atteso coming out. In realtà, come racconta adesso a EW, Colton non era ancora pronto: “E’ stato uno shock. Avrei dovuto rilasciare una dichiarazione o un commento ma non ero pronto”. L’attore (nato contadino, diventato modello e poi esploso a Hollywood) doveva prima risolvere i suoi problemi di ansia e, nonostante i pettegolezzi sempre più insistenti, aveva deciso di prendere tempo.

Tre mesi fatti di ricoveri in ospedale e lotte personali contro una pressione psicologica difficile da gestire, fino all’annuncio di queste ore: “La gente vuole che tu sia l’immagine che vede di te su GQ, ma non ha idea di cosa significa recitare 24 ore al giorno. Chi giudica i gay o le persone diverse in generale non capisce che recitare tutto il giorno è la cosa più frustrante al mondo”. E pensare che Colton Haynes è sempre stato “open”: in famiglia, con gli amici, con i colleghi di set. Semplicemente non aveva ancora la forza necessaria per affrontare il giudizio inevitabile dell’opinione pubblica, il chiacchiericcio da rotocalco di gossip: “E’ stato difficile arrivare a questo punto, ma ci sto riuscendo molto bene. Sono più felice e più sano che mai, e questa è l’unica cosa che mi interessa”.

Ansia, ulcera, paure e fobie: tutto alle spalle? Più o meno, perché in realtà Haynes ha abbandonato le serie che l’hanno reso celebre proprio per occuparsi a tempo pieno del suo benessere. Un sacrificio che, a quanto pare, sta dando i suoi frutti. Mettere in “stand by” una carriera in ascesa e trovare il coraggio di essere pubblicamente se stessi è merce rara dalle parti di Hollywood e nello showbiz in generale. Prima la carriera e l’immagine pubblica, poi tutto il resto. Un discorso che vale anche alle nostre latitudini, purtroppo, e che ci fa domandare quanto ci vorrà ancora prima che attori e cantanti italiani trovino il coraggio di compiere la stessa scelta. Recitare 24 ore al giorno deve essere molto frustrante anche per loro.