Nell’epoca della “morte di Dio”, sono sorte, come funghi, Innumerevoli “pseudo-religioni”. Tra queste ve n’è una che spicca per importanza: non ci riferiamo, ovviamente, a uno numerosi sincretismi che sono venuti alla luce nella modernità, come la teosofia o la “new age”, ma a qualcosa di assai più pervasivo e, al tempo stesso, dogmatico, ovvero al cosiddetto “liberismo”.

Ci duole constatare che ancora ai nostri tempi, vi sia qualcuno che ritiene il liberismo sia una teoria economica o socio-politica; purtroppo per loro non è così: esso rientra bensì nei canoni che definiscono le religioni. Già Walter Benjamin lo descrisse in questo senso, in un breve saggio dal titolo : “Il capitalismo come religione”, del quale riportiamo un breve passo:

Nel capitalismo si deve vedere una religione, vale a dire che il capitalismo serve essenzialmente all’appagamento di quelle preoccupazioni, di quelle pene e inquietudini a cui un tempo davano risposta le cosiddette religioni […] Il capitalismo è una religione cultuale, forse la più estrema che sia mai esistita. In esso tutto ha significato solo in immediata relazione al culto […],Questo culto è generatore di colpa, indebitante. Il capitalismo con ogni probabilità è il primo culto che non redime il peccato, ma genera colpa” Anche se Benjamin parla di “capitalismo”, e non direttamente di liberismo, i due concetti sono , in gran parte, sovrapponibili, visto che il pensiero liberale (che è, peraltro, un esempio lampante di “non-pensiero”) è coetaneo del capitalismo moderno e ne è stato la giustificazione teorica, la specifica teologia. 

Come ogni religione il liberismo si fonda su una sorta di mito primordiale, che, nella definizione di Mircea Eliade, consiste in una “verità archetipica che costituisce il modello delle azioni umane […] In ogni società tradizionale qualsiasi gesto responsabile riproduceva un modello mitico, transumano”.

In questo senso il mito fondante del liberismo è quello del “libero mercato”, come il luogo della giustizia “nel senso che il prezzo di vendita sul mercato era visto, sia in teoria che in pratica come il giusto prezzo. Il mercato era un luogo di giustizia […] ma, siccome i prezzi sono determinati secondo meccanismi naturali, esso costituisce un criterio di verità […]. Pertanto il mercato definisce che il buon governo debba funzionare secondo la verità” (ovvero secondo il mercato).

Questo mito viene propalato da numerose “mani invisibili” affinché diventi dogma, e le masse possano essere convinte che sia proprio vantaggio il difendere gli interessi delle èlites. E infatti, e masse, fanno propria la fandonia del “libero mercato” convinti che sia nel loro interesse. Naturalmente, non è mai esistito e non può esistere un siffatto “libero mercato”, ma le èlites che lo controllano vogliono essere libere di manipolarlo come più loro aggrada. A tal fine, sono state piuttosto abili a convincere le masse di cui sopra che il “libero mercato” sia un fenomeno “naturale” e che, per questo, sia un pericolo che alcune entità giuridiche, nella fattispecie quella che è chiamata “Stato”, possano limitare questa libertà. D’altronde nessuna volpe è mai stata entusiasta se il contadino recinta il pollaio, perché, anche le volpi preferirebbero che le galline, per il loro bene, potessero scorazzare in libertà.

Questo è il senso più proprio della locuzione “libero mercato”. Scrisse il Marchese D’Argenson: “Si narra che Colbert organizzò una riunione con dei mercanti, affinché questi gli dicessero cosa lui potesse fare per favorire il commercio. Il più intraprendente tra questi, pronunciò una semplice frase: laissez nous faire”Da allora, la locuzione laissez faire è divenuta il mantra di questo nuovo culto che, nel corso della storia ha trovato un numero talmente cospicuo adepti e seguaci da diventare una sorta di religione di stato dell’intero mondo occidentale

Secondo questo dogma, la virtù di uno stato è quella di intervenire il meno possibile a tutela dei propri cittadini e, possibilmente, di non provveder ad alcun servizio per alleviare la “durezza del vivere (lo “Stato minimo” di Nozick). Lo Stato dovrebbe solo creare un “ordine” atto a creare un ambiente propizio per i predatori più forti. Così vuole il deus absconditus di Calvino, di von Hayek e degli Ordoliberali (che adoperarono il termine “ordo” nell’accezione della Scolastica, secondo la quale esso significava l’ordine divino così come stabilito dalla dispositio provvidenziale).

Per quanto i cosiddetti “paesi avanzati” (ovvero: “non completamente ingeriti”) stiano procedendo a grandi passi su questa strada virtuosa, sono in questo senso assai più arretrati di alcuni altri. Per vedere qualcosa che si avvicini alla perfezione del liberismo archetipico, suggeriamo di spostarsi in Africa; e non nella giungla che esemplificammo nel post precedente ma nelle metropoli, nelle quali si può meglio assaporare la rude bellezza dello “stato minimo”, auspicato dai poveri di spirito “di ogni forma e d’ogni età”

Certo, da questo punto di vista, non tutti i luoghi sono uguali. Non sempre la legge del più forte si manifesta con nel proprio pieno splendore. Vi sono luoghi come Mogadiscio nei quali lo Stato è talmente minimo che farebbe la gioia dei Milton Friedman de noantri (anche se dubitiamo che, da quelle parti, riuscirebbero a sopravvivere più che una manciata di minuti); altri nei quali il liberismo è un po’ meno virile come, ad esempio Nairobi. Tuttavia, anche qui non mancano soddisfazioni, per l’intenditore.

(continua)