Un’autocisterna con un carico di 270 quintali di olio si è ribaltata, ha sfondato lo spartitraffico ed è finita di traverso alla carreggiata travolgendo tre auto: morte 5 persone, tre salve per miracolo. L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio sulla strada statale 379 Brindisi-Bari, all’altezza di Fasano. Il conducente del tir è rimasto illeso e non sono ancora chiare le cause che gli avrebbero fatto perdere il controllo del mezzo.

Tra le vittime ci sono Vito Muscatello, 71 anni, di Tuglie, la moglie Rosetta Minerva, e la loro nipotina di 5 anni, rispettivamente suoceri e figlia di un consigliere regionale pugliese, Cristian Casili. Morta anche un’altra anziana che viaggiava con loro, mentre la madre della piccola è ricoverata in gravi condizioni nell’ospedale Perrino di Brindisi. L’altra vittima è Leonardo Orlandino, 21 anni, di Fasano. Era al volante di una Toyota Aygo: è il portiere della squadra di calcio di Brindisi, il Real Paradiso. Salve per miracolo tre persone che si trovavano invece sull’altra auto coinvolta, un’Opel Corsa.

Video tratto Youtube

L’autoarticolato viaggiava in direzione nord, da Brindisi verso Fasano. La polizia stradale sta cercando di ricostruire la dinamica. Di certo c’è che il tir ha sfondato lo spartitraffico finendo di traverso alla carreggiata. Una delle auto è stata travolta è schiacciata tra la motrice e il rimorchio. I vigili del fuoco hanno tirato fuori morti e feriti dalle lamiere delle auto distrutte e con un’autogru hanno lavorato diverse ore per sgomberare la strada bloccata su entrambi i sensi di marcia e invasa dall’olio che si è sparso sull’asfalto. La bambina è stata soccorsa dai sanitari del 118 quando era ancora in vita, ma è arrivata al vicino ospedale di Ostuni ormai in condizioni disperate. Sul posto si è recato anche il pm di turno presso la procura di Brindisi, Luca Buccheri, che coordina le indagini. Al momento l’ipotesi è di omicidio colposo plurimo.