Evidentemente Salvatore Buzzi è stato preso alla lettera dai due indagati della Procura di Cosenza che ha sequestrato il centro di accoglienza in contrada Spineto, nel comune di Aprigliano, salito agli onori della cronaca quest’estate dopo le proteste dei profughi che lamentavano le condizioni disumane in cui sono costretti a vivere.

La squadra mobile ha applicato i sigilli all’ex ristorante di montagna, “Il Capriolo”, tra i boschi della Sila, dove una sessantina di migranti (fino a poche settimane fa erano 83) erano ammassati in un edificio fatiscente sprovvisto anche dei più elementari certificati di agibilità. Molti di loro, tra cui 11 donne somale, erano stipati in uno scantinato senza finestre. Tra bagni allagati e condizioni igieniche spaventose, gli altri dormivano in letti improvvisati anche nei vani delle scale e in pseudo stanze create con separé di legno.

Il procuratore di Cosenza Dario Granieri, l’aggiunto Marisa Manzini e il sostituto Salvatore Di Maio hanno iscritto nel registro degli indagati il proprietario dello stabile Santo Muraca e il presidente della cooperativa “Sant’Anna” Carmelo Rota che è anche assessore del Pd nel Comune di Pedace. Entrambi sono accusati di concorso in abuso edilizio per aver modificato “abusivamente l’originaria destinazione d’uso dell’edificio, ospitando i migranti senza essersi previamente dotati di un nuovo ‘permesso di costruire’, così da porre in essere l’attività di accoglienza in luogo privo del necessario certificato di agibilità”.

Inoltre, sempre abusivamente, il proprietario dello stabile e l’assessore con “l’hobby” dell’accoglienza hanno “realizzato due vasche in calcestruzzo da adibire a raccolta acque reflue”. Quello che, però, appare come un semplice un provvedimento di sequestro per colpire alcuni abusi edilizi in realtà svela il business dei migranti dietro il quale c’è anche una delle più influenti famiglie di politici in provincia di Cosenza.

Nel consiglio di amministrazione della cooperativa “Sant’Anna”, infatti, c’è Marco Morrone, un imprenditore che gestisce diverse case di cura private nel cosentino. Ed è lo stesso Morrone, gemello di Luca (presidente del consiglio comunale di Cosenza) e, soprattutto, figlio dell’ex parlamentare Ennio Morrone, già deputato con l’Udeur e poi capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale ai tempi del governatore Giuseppe Scopelliti.

Ritornando al provvedimento di sequestro, il pm Salvatore Di Maio non fa sconti a Carmelo Rota e Santo Muraca: “Gli indagati hanno dimostrato una ferma ed energica volontà nella prosecuzione dell’attività criminosa in corso presentando anche documentazione falsa“. Indirettamente, il pubblico ministero smentisce tutte le polemiche di chi, anche dopo le inchiesta “Mafia Capitale” e sul Cara di Mineo, pensa che le 35 euro al giorno vanno tutte in tasca ai migranti.

“L’attività della cooperativa – scrive infatti il sostituto procuratore – è stata compiuta in spregio di diverse norme penali. L’attività svolta è esclusivamente preordinata al lucro, senza rispetto alcuno della persona umana e dei diritti costituzionalmente riconosciuti con conseguente attivazione di una struttura fatiscente e priva delle necessarie condizioni per il ricovero degli immigranti”. A Roma come in Calabria: “Con i profughi si fanno più soldi che con la droga” diceva Salvatore Buzzi.