Festeggiamenti alla Waverley Station in vista dell'arrivo della regina Elisabetta IIAlle 5.30 pm di oggi (le 18.30 ora italiana) la regina Elisabetta II supererà il regno di Vittoria, durato 63 anni e 217 giorni (per la precisione 23.226 giorni, 16 ore e 23 minuti) e diventerà il sovrano che ha regnato più a lungo nella storia della Gran Bretagna.

Non vi piace la monarchia? Pensate che sia un’istituzione obsoleta e assolutamente da abolire? Probabilmente avete ragione. Ma non importa. Anche il più irreducibile dei repubblicani deve ammettere che The Queen è una vera icona del nostro tempo. Anche Pop, come aveva capito Andy Wharol.

Anzi, proprio i suoi incredibili cappellini e i suoi sorrisi striminziti, proprio il suo modo di vestire e di comportasi, che la rende così fuori dal tempo, ne ha fatto uno dei Grandi Personaggi rimasti a colmare il vuoto dell’immaginario collettivo.

Il popolo inglese ama molto The Queen (gli snob no, dicono che è robaccia che piace alla plebe). Economicamente The Firm, La ditta – come in genere viene chiamata la Monachia – crea un giro di affari annuo di 1.155 miliardi, tra turismo e gadgets.

I monarchici sono estremamente preoccupati: la morte della sovrana, che comunque nel 2016 compirà 90 anni, sarà un duro colpo per la monarchia britannica e molti temono che non le sopravviverà. Di buono c’è che la Regina Madre campò bevendo gin e whisky fino a 102 anni. Quindi per il momento il Regno Unito è salvo e si prepara a festeggiare il record di Elisabetta, salita al trono il 6 febbraio 1952, all’età di 25 anni, alla morte del padre Giorgio VI, il “re balbuziente” reso celebre anche in Italia dal film con Colin Firth.

Elisabetta II è stata incoronata nell’Abbazia di Westminster il 2 giugno del 1953, con una cerimonia trasmessa per la prima volta in televisione. Non sembrava molto contenta, di diventare regina. Disse: “Appartengo al mio popolo, ma non come intendeva Elisabetta I. Non ho scelto io di essere regina, so ciò che si attendono da me, manterrò i miei impegni”. Per ora lo ha fatto.

Ecco qui un ritratto della sovrana fatto per piccoli aneddotti e curiosità.

ANANAS. Ha ricevuto molti regali insoliti, tra cui una varietà di animali vivi. I più esotici sono stati messi allo Zoo di Londra – tra cui giaguari, bradipi dal Brasile e due castori neri provenienti dal Canada. Le sono stati anche donati ananas, uova, una scatola di gusci di lumaca, un boschetto di aceri e 7 chili di gamberi.

BLU. E’ il suo colore prefetito. Odia invece il beige. Le agenzie di scommesse accettano puntate sul colore del vestito che indosserà nelle varie apparizioni ufficiali.

CAVALLI. Sono una delle sue passioni, insieme ai cani e alla fotografia. Non ama invece arte e libri (da qui il libro di Alan Bennett La sovrana lettrice, che la sfotte a dovere). Il suo primo pony, chiamato Peggy, le è stato donato da suo nonno re Giorgio V quando aveva 4 anni. Elisabetta continua a cavalcare a Sandringham, Balmoral e Windsor, le tenute reali.

FOLLA (bagni di) Per soddisfare il maggior numero di persone, che la vogliono vedere da vicino, durante una visita in Australia e Nuova Zelanda nel 1970 è stata introdotta la cosiddetta “camminata reale”: lei passa e saluta con la mano.

DORGI. E’ il nome di una nuova razza di cane nato da un incrocio di un Corgi di Elisabetta con un bassotto di nome Pipkin di sua sorella, la principessa Margaret. La regina ha posseduto più di 30 cani Corgi. Adesso ne ha quattro (si vedono anche nel video girato con lo 007 Daniel Craig per le Olimpiadi).

FRANCESE. Parla correntemente il francese e nelle visite ufficiali in paesi francofoni non ha bisogno dell’interprete.

GIN. Lo beve con una fetta di limone e molto ghiaccio prima dei pasti. Mentre

mangia invece accompagna con champagne o un Martini dry.

HATERS. Anche lei ne ha. “È insopportabile, seccatrice, con una personalità da scolaretta vanitosa” ha detto una volta Lord Altrincham.

LAVORO. “Mia moglie ha un buon posto, abbastanza sicuro, ma così noioso”. E’ una delle famose gaffes di Filippo di Edimburgo, il principe consorte.

MOSCHEA E’ stata la prima sovrana inglese a visitare una moschea nel Regno Unito. Era il luglio 2002, a Scunthorpe, Lincolnshire

NAVI. Ne ha varate 23. Inoltre è patrona di oltre 600 enti di beneficenza.

OSPITI. In un anno ospita più di 50.000 persone ai banchetti, pranzi, cene, ricevimenti e feste in giardino a Buckingham Palace.

PESCI. Secondo uno statuto del 1324, la regina possiede ancora gli storioni, le balene e i delfini nelle acque di tutto il Regno Unito. Lo statuto è ancora in vigore: storioni, focene, balene e delfini sono infatti riconosciuti come “pesci reali”.

PAPA. Nel 1982 Papa Giovanni Paolo II visitò la Gran Bretagna. Era il primo Papa a farlo in 450 anni. Elizabeth, capo titolare della Chiesa d’Inghilterra, lo ricevette a Buckingham Palace.

RITRATTI. Durante il suo regno le hanno fatto 129 ritratti ufficiali, due dei quali erano con il Duca di Edimburgo. Il primo risale al 1933, quando aveva 7 anni, commissionato dalla madre al pittore ungherese Philip Alexius de Laszlo.

SCUOLA Non ci è mai andata. O meglio, non ha mai frequentato una lezione in classe perché è stata educata da istitutori privati a casa.

SPESE. Ormai è diventato uno dei termini di paragone per descrivere gli sprechi italiani. Il Quirinale costa agli italiani quattro volte più di Buckingham Palace agli inglesi: 224 milioni di euro contro 57. Secondo i media inglesi, la regina costa ai contribuenti 62 pence a testa ogni 365 giorni.

US. Durante il suo regno si sono succeduti 12 presidenti degli Stati Uniti. E 12 Primi Ministri britannici.

TUBE. Ha viaggiato nella metropolitana di Londra per la prima volta nel maggio 1939, accompagnata dalla sua governante Marion Crawford e da sua sorella la principessa Margaret.

VOLANTE. E’ l’unica persona in Uk che può guidare senza patente o numero di targa sulla sua macchina. La paparazzano ancora alla guida di una Land Rover, con il foulard in testa e gli occhi da sole. Nelle cerimonie ufficiali però, usa il cocchio reale con i cavalli.