Mario Balotelli alla Lazio. È il sogno di una notte di fine estate di Claudio Lotito. In caso di Champions League potrebbe essere l’attaccante del Liverpool, ex di Milan e Inter, il grande colpo per infiammare i tifosi (ma la curva nord sarebbe poi davvero contenta?) e accontentare Stefano Pioli. L’accordo con il club inglese (disposto anche ad accollarsi parte dell’ingaggio, pur di liberarsi della zavorra Balotelli) ci sarebbe già, il gradimento del giocatore anche. Prima, però, c’è il ritorno contro il Bayer Leverkusen, e l’1-0 dell’andata non lascia completamente tranquilli. La partita di mercoledì 26 vale il prestigio della Champions, 40 milioni di euro e la possibilità di vivere una grande stagione. Magari con Balotelli, a formare un tridente di livello internazionale insieme a Felipe Anderson e Candreva.

A rilanciare l’indiscrezione è il portale Tuttomercatoweb, secondo cui l’accordo con Balotelli è “totale”. Prestito con diritto di riscatto la formula del trasferimento (ancora da chiarire le cifre: Balotelli era stato pagato circa 20 milioni di euro, ma l’ultimo anno di quasi totale inattività lo ha fortemente svalutato). La Lazio si sobbarcherebbe solo il 30% del lauto stipendio dell’attaccante (6 milioni di euro netti), il resto rimarrebbe a carico della società inglese. A dimostrazione di quanto ormai Balo sia un separato in casa a Liverpool, un peso per il tecnico Rodgers e per lo spogliatoio dei Reds.

Balotelli nelle scorse settimane era stato cercato anche dalla Sampdoria di Ferrero, senza che la trattativa riuscisse a decollare. Sembrava mancasse la volontà di tornare in Italia. Adesso l’offerta della Lazio e la possibilità di giocare da protagonista in Champions potrebbero fargli cambiare idea. L’intesa, infatti, è vincolata all’esito del preliminare contro il Bayer Leverkusen, ma il risultato positivo dell’Olimpico spinge l’affare. L’operazione è credibile, dal punto di vista tattico ed economico. Con la qualificazione la Lazio incasserebbe circa 40 milioni di euro dalla Uefa, e potrebbe rituffarsi sul mercato dove fino ad ora è rimasta praticamente immobile (Hoedt, Milinkovic e Kishna gli unici acquisti). Alla fine della campagna trasferimenti, però, mancheranno solo cinque giorni: servono obiettivi concretizzabili in tempi rapidi. E Balotelli, fuori rosa al Liverpool, è sicuramente uno di questi.

Per disputare tre competizioni la Lazio ha bisogno di rinforzi. E nello scacchiere tattico di Pioli manca proprio un centravanti di alto livello: Klose a 37 anni non è più una garanzia (come dimostra anche l’ultimo infortunio che lo terrà fuori per 20 giorni), Djordjevic è acciaccato, Keita (decisivo all’andata col Bayer) non è una prima punta. Con Balotelli (e il ritorno di Mauri) Pioli avrebbe a disposizione un attacco completo e di qualità, per essere competitivi in Champions oltre che in campionato. Restano le incognite. Il ritorno da giocare in Germania. Il carattere complicato dell’attaccante, che ha sempre fallito in tutte le sue ultime esperienze. Il rapporto delicato coi tifosi e con lo spogliatoio. Ma Claudio Lotito è un presidente che ama le sfide. E il rilancio di Balotelli, con la Lazio in Champions e al vertice in campionato, rappresenterebbe l’ennesima scommessa vinta di cui vantarsi.

Twitter: @lVendemiale

TUTTE LE TRATTATIVE

NOTIZIE IN PILLOLE

•Rino Gattuso riparte dalla Lega Pro: è il nuovo allenatore del Pisa

•Fiorentina: Joaquin vuole andar via, ma contro il Milan sarà titolare

•Milan, avanti tutta su Soriano: offerti 10 milioni alla Sampdoria

•Napoli, il Wolfsburg su Mertens: pronti 30 milioni di euro

•Rudiger ufficiale alla Roma: indosserà la maglia numero 2

•Thohir: “Perisic può arrivare. La nostra stagione? Sono ottimista”