Si è chiuso il sogno Ibrahimovic per il Milan? Sì, almeno a sentire le parole di Nasser Al-Khelaifi. Il presidente del Paris Saint Germain gela il club rossonero durante al presentazione di Angel Di Maria, acquistato per 63 milioni dal Manchester United. Era considerata l’operazione spartiacque per il futuro dello svedese sotto la Tour Eiffel. E invece: “Ibrahimovic non si muove da qui”, ha detto chiaro e tondo il numero uno dei parigini. Una frase secca che smonta quanto lo stesso campione svedese aveva dichiarato dopo la Supercoppa di Francia (“Potrebbe essere la mia ultima stagione al Psg”). Un pensiero che aveva alimentato l’appettito di Adriano Galliani, da mesi impegnato in un corteggiamento soft ma costante sull’ex attaccante di Juventus, Inter e degli stessi rossoneri. Alla fine del calciomercato mancano poco più di venti giorni e non è detto che quelle di Al-Khelaifi non fossero solo frasi di circostanza. Certo è che già a giugno, il Paris Saint Germain aveva raffreddato le volontà di Ibrahimovic di continuare altrove la sua carriera.

– Napoli, è asta per Inler. Quattro squadre in lotta per il regista (leggi)
– Paris Saint Germain: arriva Di Maria, affare da 63 milioni (leggi)

Romagnoli più vicino?

L’ok al transfer provvisorio per Salah e l’atteso arrivo di Edin Dzeko nelle prossime ore a Roma potrebbero essere le chiavi di volta per Romagnoli al Milan. Ora che il mercato giallorosso è entrato nel vivo, con due colpi di livello piazzati dal ds Sabatini, Galliani è pronto a ritornare alla carica per il difensore centrale dell’Italia under 21. Al momento il dialogo non è ripreso, ma le posizioni della Roma potrebbero farsi più morbide. Il Milan resta fermo sull’ultima offerta presentata, 25 milioni di euro. Una cifra più bassa di cinque milioni rispetto a quanto chiedono nella capitale per lasciar partire Romagnoli, già allenato da Mihajlovic la scorsa stagione alla Sampdoria. In uscita da Milanello, invece, ci sarebbe Gabriel Paletta. L’azzurro, acquistato lo scorso anno dal Parma, non ha mai davvero convinto a San Siro. Esuberi anche in attacco: Honda piace all’Everton e al Tottenham, ma potrebbero chiedere d’essere ceduti anche Cerci e Menez, chiusi dagli arrivi di Bacca e Luiz Adriano e dalla mancanza di un competizione internazionale.

– Inter: preoccupano le condizioni di Perisic, spunta Perotti (leggi)
– Juventus: la maglia numero 10 a Pogba, è lui il trequartista (leggi)

Fiorentina-Borini ‘ballano’ 2 milioni

Lui vuole rientrare in Italia. La Fiorentina cerca un attaccante. Ecco perché il matrimonio tra Fabio Borini e la squadra viola si può chiudere a breve, a meno di interferenze esterne come già accaduto con Milinkovic-Savic, vicinissimo all’arrivo in Toscana prima di fare rotta su Roma, destinazione Lazio. Il Liverpool, proprietario del cartellino della punta italiana, chiede una cifra compresa tra gli 8 e i 9 milioni di euro. I Della Valle vorrebbe prendere Borini con la formula del prestito con obbligo di riscatto fissato a 6 milioni, così da posticipare il pagamento al 2016. Un’opzione non graditissima ai Reds, ma la Fiorentina ha dalla sua la volontà del giocatore di tornare a casa.

 – Milan: tre mesi di stop per Niang, Honda in uscita? (leggi)
– Roma, arriva un altro colpo: preso il baby fenomeno Gerson (leggi)

Gala-Inter, asse mercato. Destro verso Bologna

L’Inter deve sfoltire e sembra aver trovato un acquirente per Yuto Nagatomo. L’esterno giapponese piace al Galatasaray. Tra nerazzurri e turchi c’è anche Felipe Melo, che ha messo fretta al club di Thohir perché ha sul tavolo una proposta di rinnovo ma preferirebbe tornare in Italia dove ha già giocato con la Juventus. Attende una risposta anche il Bologna, che corteggia Mattia Destro. Il ds Corvino ha presentato un’offerta al manager del giocatore: 1,2 milioni all’anno più bonus. Circa cinquecentomila euro in meno di quanto percepisce ora dalla Roma, a cui andrebbero 9 milioni di riscatto tra un anno. A Destro, che ha già rifiutato il Monaco e non ha preso in considerazione due offerte dalla Premier, non restano molte chance. La punta, reduce da una seconda parte di stagione da 3 reti in 18 presenze con il Milan, non può permettersi un’altra annata a vuoto con gli Europei in programma a giugno.

– Sampdoria, Samaras non convince: Ferrero rinuncia (leggi)

Rumors: Biglia-Real, Zuniga-Atletico

Il Napoli ha proposto Zuniga all’Atletico Madrid e continua a corteggiare Maksimovic del Torino, ma Cairo non ha intenzione di abbassare le sue pretese (25 milioni, contro i 18 offerti dai partenopei). L’Inter inizia a dover sfoltire la rosa degli obbiettivi per la trequarti: Ivan Perisic (Wolfsburg) sembra sempre più lontano, difficilmente Shaqiri potrà essere considerato un perno del progetto dopo mesi di trattative per cederlo. Così si fa sempre più calda la pista Perotti (ma Preziosi ha detto che non si muoverà da Genova) e la prima alternativa è considerata Gabbiadini, che ha però una quotazione al momento troppo alta. Gilardino è finito nel mirino del Carpi, alla ricerca di una punta esperta per rinforzare il giovane organico in vista della prima stagione in Serie A. La Lazio deve difendersi da Rafael Benitez che vorrebbe Lucas Biglia al Real Madrid, ma gli spagnoli non si sono ancora fatti avanti ufficialmente. È invece conclusa la trattativa tra Maxi Moralez, attaccante dell’Atalanta, e l’Al-Itthiad: al club bergamasco andrà una cifra vicina ai 5 milioni di euro.