Prima uccide la moglie e il figlio a colpi di pistola. Poi si toglie la vita. Protagonista del gesto un maresciallo dei carabinieri non in servizio in un reparto operativo. Teatro della tragedia familiare è Napoli, precisamente il vico Bagnara, nei pressi di piazza Dante, ovvero nel pieno centro del capoluogo partenopeo. I motivi del duplice omicidio-suicidio sono ancora sconosciuti. Sul posto indaga la Polizia. Secondo il quotidiano partenopeo Il Mattino, il carabiniere si chiamava Alfredo Palumbo, aveva 42 anni ed era in servizio al Comando Legione, di stanza alla caserma San Potito. La moglie e il figlio invece, avevano rispettivamente 30 e 8 anni.

I tre cadaveri sono stati trovati in pigiama. Il corpo della donna era nella camera matrimoniale, quelli del ragazzino e del carabiniere invece, nella stanza del bambino. La tragica scoperta è stata fatta da un familiare che, non riuscendo a contattare la famiglia per tutta la mattina, ha aperto la porta della casa con un doppione delle chiavi. Si è così trovato di fronte i tre cadaveri.
Secondo la ricostruzione degli investigatori, il carabiniere ha ucciso prima la moglie e poi il figlio.