Chiamare Conchita Wurst con il suo nome “Tom” non era “una scelta concordata”. Il conduttore del Festival di Sanremo Carlo Conti intervistando sul palco la celebre cantante austriaca aveva utilizzato il genere maschile e il suo nome originario Thomas Tom Neuwirth. A polemizzare sulla scelta è stata l’ex parlamentare di Rifondazione comunista Vladimir Luxuria che prima ha chiesto spiegazioni a Conti durante il programma “TvTalk Rai” e poi ha scritto su Twitter alla stessa Conchita. Se il conduttore si è giustificato dicendo che era una decisione concordata, l’artista ha invece ribattuto: “No, ne sono rimasta stupita anch’io”. Wurst è stata ospite sul palco dell’Ariston l’11 febbraio scorso e ha interpretato il suo nuovo singolo ‘Heroes’, contenuto nell’album che uscirà a maggio.

Vladimir

A dare il via alla discussione è stata proprio Luxuria su Twitter. Il 13 febbraio ha scritto che avrebbe chiesto spiegazioni a Conti nel programma televisivo del 14 febbraio. Il conduttore durante il programma TvTalk Rai di sabato 14 febbraio ha risposto proprio alla domanda di Luxuria dicendo che si era messo d’accordo con la cantante per farsi chiamare in quel modo. E Luxuria ha scritto su Twitter direttamente alla Wurst, che invece ha smentito la ricostruzione: “Hey”, ha scritto, “mi sono stupita anch’io”.