Numerose gabbie ammassate in un bagno. E’ così che vengono tenuti i topi liberati dal blitz animalista all’Università Statale di Milano l’aprile scorso. A mostrarlo è una foto apparsa sul profilo Facebook di una delle attiviste, che si fa chiamare Jooleea Carleenee e riproposta anche da Nature nella sezione News blog. 

La ragazza, nel post, spiega che la foto sia la dimostrazione che gli animali sono ancora vivi. Ma l’immagine crea polemica. Il gruppo nato sul social network “A favore della sperimentazione animale“, rilanciando l’immagine ha commentato: “La nuova sistemazione dei topi “liberati” (rubati) dal dipartimento di farmacologia di Milano…adesso sì che stanno bene! Ammassati in centinaia in un cesso! A parte ammassarli in centinaia in poche gabbiette, quel locale (un bagno!) non può rispettare le norme di tutela animale che invece rispettava lo stabulario, ad esempio non può essere rispettato il ciclo circadiano, ovvero le regolarità del periodo buio/luce: se la tizia deve andare in bagno nel cuore della notte, ovviamente accenderà la luce, e questa è una fonte di stress per i topi che i ricercatori stanno bene attenti ad evitare. Inoltre si pensi anche all’umidità dell’ambiente quando si fa la doccia! Tutta umidità che fa male ai topi!”. Molti ricercatori accusano inoltre Carleenee di comportamenti crudeli attraverso facebook.

Il blitz all’Università di Milano, che, come avevano denunciato i ricercatori aveva rovinato anni di ricerche su malattie come Alzheimer, Parkinson, autismo e sclerosi multipla e rischiava di uccidere gli esemplari, alcuni con mutazioni genetiche e abituati a vivere in determinati contesti, era stato compiuto il 20 aprile. Successivamente i ricercatori sono anche scesi in piazza a favore della ricerca sugli animali.  La foto è stata pubblicata l’11 giugno. Sul profilo “A favore della sperimentazione animale” si legge che, partendo da questa data, “si può desumere che questa sia la loro sistemazione da circa 2 mesi“.

Ma la giovane, sempre dalla propria pagina Facebook ha risposto alle accuse: “Nel momento in cui è stata scattata quella foto in ognuna di quelle gabbie viveva un solo topo: le femmine infatti erano già state date tutte in adozione. Mi è rimasta una sola femmina che, mea culpa, ho sbagliato a sessare, e dunque l’ho scambiata per un maschio e ha avuto 3 cuccioliLei e i suoi cuccioli si trovano in una teca 60x70cm, che nella foto non si vede. Tutti gli altri non sono più in casa mia da tempo: sono andati in adozione singolarmente, previa regolare compilazione di modulo di adozione per ogni singolo topo, controlli pre affido e seguiranno i controlli post affido. Fintanto che le gabbie sono state in casa mia sono state pulite integralmente due volte a settimana, ogni singolo topo ogni giorno ha ricevuto due cambi acqua (mattino e sera) nonchè cibo idoneo”

“Le gabbie erano molte in una sola stanza? Si. – prosegue il post – Ma ogni topo ne aveva una intera a sua disposizione, con un corretto cambio di aria: che poi intorno alla sua ce ne fossero altre dieci o nessuna poco gli cambiava. Dove stavano prima erano ammassate alla stessa maniera se non peggio, in più topi in gabbiette grandi meno della metà delle mie. Gabbie asettiche, senza nessun arricchimento ambientale, senza nemmeno un nido dove rifugiarsi. Certo tutti gli esperti che hanno tuonato contro il presunto maltrattamento avvenuto in casa mia sapranno quanta sofferenza crei una detenzione in simili condizioni”. 

A commentare la foto al fattoquotidiano.it è Daria Giovannoni, presidente di Pro-Test Italia: “Noi non sappiamo se gli animali sono ancora in queste condizioni perché la foto pubblicata più di recente è dell’11 giugno, ma è un po’ anomalo considerato che si parla di persone che si sono dette  contrarie a ogni tipo di maltrattamenti degli animali, convinti che dentro gli stabulari gli animali venissero torturati”. E poi spiega: “Nei laboratori c’è massima cautela, non si tengono più di tre topi per gabbia: qui si vedono gli animali che finiscono a lottare fra di loro, come è abbastanza normale in situazioni di affollamento – spiega Giovannoni – oltretutto questi esemplari presentavano della patologie e noi vorremmo sapere come stanno procedendo”.

Le malattie di questi animali sono trasmissibili all’uomo? “No, ma di generazione in generazione si”. Il fatto che la ragazza nei commenti abbia fatto sapere che i topi abbiano figliato dimostra un errore: “Si è sbagliata. E questa è la dimostrazione che non bastano le buone intenzioni – aggiunge il presidente di Pro-Test –  Il cambiamento per questi animali è stato di passare da una gabbia all’altra”. Infine un appello: “Rispetto molto lo spirito che la giovane ha avuto nel volersi prendere cura di questi animali, però al tempo spesso vorrei invitarla a documentarsi meglio di come procede il lavoro negli stabularinei laboratori gli animali non soffrono. Intanto – conclude Giovannoni –  tutto il lavoro è andato perduto, i ricercatori hanno dovuto ricominciare daccapo. Sarà necessario allevare di nuovo questi animali e cosi avremo il doppio degli esemplari malati”.