Tagli dei posti letto e dei finanziamenti alla cultura, aumenti dei biglietti dei mezzi pubblici, dell’Irpef, del bollo auto. Avveniva nel Lazio e tutto questo mentre i consiglieri regionali si distribuivano milioni euro, 13,9 nel solo 2011. Il quotidiano “Il Messaggero” fa i conti in tasca all’esecutivo di Renata Polverini, nuovamente sull’orlo delle dimissioni dopo l’incontro di ieri con il premier Mario Monti e la fotografia che ne esce è impietosa.

Con la delibera numero 90 del 14 settembre 2010 i contribuiti ai gruppi vengono incrementati per un importo da 1 a 5,4 milioni. Contemporaneamente a causa dei debiti della gestione sanitaria vengono stati tagliati 2800 posti letto. Il 10 febbraio la delibera numero 14 conferma la previsione di spesa per il funzionamento dei gruppi per l’anno 2011 a 5,4 milioni. Il 5 aprile la delibera numero 33 sulla variazione di bilancio, al capitolo 5, autorizza altri 3 milioni di spesa. Per un totale dell’anno 2011 quindi pari a 8,4 milioni di euro. Un’altra delibera, la numero 86, e una nuova variazione di bilancio datata 19 luglio con sui si alza la spesa di altri 3 milioni di euro per un totale di 11,4 milioni. Infine l’8 novembre la delibera 72 aumenta la spesa di altri 2,5 milioni. In totale quindi quasi 14 milioni di euro, che come sta dimostrando l’indagine della Procura di Roma sono serviti per lo più per cene e festini e come raccontato tra l’altro dall’unico indagato per ora per peculato, Franco Fiorito ex capogruppo Pdl. A dicembre arriva sulla teste dei cittadini del Lazio la manovra finanziaria di fine anno taglia 142 milioni tra Atac e Cotral, le aziende di trasporto. Anche sulla cultura subisce la mannaia dei tagli: – 38 milioni di euro. Per far fronte ai problemi di bilancio viene anche aumentato il bollo auto del 10%. Ma non solo il disavanzo sanitario fa scattare anche l’aumento del’addizionale Irpef fino a un livello del 1,73%. A fine 2011 c’è anche l’aumento del 15% dei biglietti dei treni regionali.