Mi dispiace Beppe, ma stavolta non ci siamo…La tua affermazione secondo il quale la mafia è meglio dei partiti è gravemente sbagliata per almeno tre motivi.

Primo, perché costituisce un insulto alle vittime della mafia alludendo, sia pure con l’intenzione sarcastica che ti è usuale,  a una sua presunta maggiore bonarietà o minore nocività rispetto ad altri fenomeni. La mafia ha ucciso politici, magistrati, membri delle forze dell’ordine, imprenditori, sindacalisti, giornalisti, semplici cittadini. Ed ha ucciso perché l’assassinio fa parte del suo modo di agire.

Secondo, perché oscura la circostanza che, in molte circostanze, mafia e settori dei partiti sono stati una cosa sola, nel senso che, come oramai acclarato sia dall’analisi degli storici che da numerosi accertamenti operati in sede giudiziale la mafia si è sempre giovata e continua a giovarsi di precise complicità politiche.

Terzo, perché la mafia, come pure gli analoghi fenomeni esistenti in altre regioni, è forte finanziariamente e può giocare un ruolo di importanza e pericolosità crescente nell’attuale contesto, grazie anche a politiche sbagliate e complici condotte dal governo Berlusconi e non corrette finora in modo adeguato da quello Monti.

Le recenti “rivelazioni” sul fatto che Berlusconi pagava i mafiosi “per stare tranquillo” confermano quanto già sapevamo da tempo e cioè che esistono precise complicità di settori politici e imprenditoriali con la mafia. 

La stessa esistenza del governo Monti e la sua timidezza nei confronti del “lascito” del precedente governo, per non parlare degli scandalosi voti con i quali questo Parlamento delegittimato ha salvato dal carcere  Cosentino, dimostra che non si potrà eliminare la mafia fino a che si continueranno a fare accordi e compromessi con chi a sua volta da sempre fa accordi e compromessi con la mafia.

Anche da questo punto di vista le tue esternazioni sono gravemente sbagliate e controproducenti. E non mi pare possano essere minimizzate.

Oltretutto esse evidenziano, caro Beppe, tutti i limiti delle tue analisi. Se a volte hai colto il bandolo della matassa denunciando determinati aspetti del sistema ti sfugge tuttavia che

1. esistono ragioni profonde di classe dei fenomeni. Anche la mafia in fondo è un fenomeno di classe, che non a caso fece il suo esordio con il massacro dei contadini in lotta il primo maggio di Portella della Ginestra, esattamente sessantacinque anni fa.

2.non tutti i partiti e i politici sono uguali. Alcuni infatti, come Pio La Torre, Piersanti Mattarella e Peppino Impastato, sono stati assassinati dalla mafia perché si opponevano ad essa in nome dei diritti dei cittadini e della democrazia.

3. riappropriarsi dei beni della mafia e sconfiggerla rappresenta oggi un’importante opportunità per il superamento dell’attuale crisi e il consolidamento della democrazia. A tale scopo vanno appoggiate proposte come quella su cui si è trovato ultimamente d’accordo Leoluca Orlando, unica candidatura seria a sindaco di Palermo, di ottimizzare la gestione dei beni sottratti alla mafia. Ma va intensificata anche la lotta contro la crescente presenza della mafia e di organizzazioni analoghe nell’economia, travolgendo ogni complicità con il fenomeno mafioso esistente a livello politico. A tal fine va rilanciato il protagonismo delle popolazioni del Mezzogiorno, vittime sia della mafia che delle attuali oligarchie partitocratiche.

Da un leader alternativo si aspetterebbero proposte del genere, caro Beppe e non battute paradossali sulla mafia. Ma tu probabilmente devi ancora decidere se vuoi diventare effettivamente tale o restare un comico. Basta che ti decidi e che ce lo fai sapere…