La puntata di oggi di Vieni via con me avrebbe dovuto ospitare la mamma di Federico Aldovrandi, un ragazzo ucciso per mano di quattro poliziotti. Al suo posto invece ci sarà il ministro dell’Interno Roberto Maroni, che sembra non essere sazio di tutto lo spazio concessogli per replicare a Roberto Saviano. Pare, infatti, che non si possa dire che la ‘ndrangheta cerca interlocutori nella politica senza distinzione di destra e sinistra, cosa che ha sempre fatto. E la Lega, invece di ringraziare Saviano per essere stata messa sull’attenti, lo querela.

Ma vista l’occasione, e visto che non si sa che fine abbia fatto il ministro della Giustizia (ecco un altro latitante da ricercare!), a Maroni potrebbero fargli leggere l’elenco, in continuo aggiornamento, di coloro che si sono suicidati in carcere nell’ultimo periodo.

La mamma di Federico invece avrebbe letto questi elenchi:

Elenco delle offese ricevute per il solo fatto che Federico è morto per mano di quattro poliziotti:

– 54 lesioni. Ciascuna di queste avrebbe dato luogo ad un processo (Giudice F. M. Caruso).
– 3 invocazioni di aiuto rivolte da Federico agli stessi poliziotti, prima dei rantoli mortali.
– “Federico è morto perché drogato” : dichiarazione dell’allora questore Elio Graziano.
– La pm che non si è degnata di andare sul posto e noi siamo stati avvisati solo dopo 5 ore.
– Il fatto che a me e mio marito è stato impedito con la menzogna di vedere il corpo di mio figlio abbandonato sul selciato a poca distanza da casa.
– Le parole “io so sempre dov’è mio figlio” pronunciate dalla prima pm per farci sentire in colpa dopo che il blog aveva scatenato la polemica e l’urgenza di chiarezza.
– “Calunniatori”, “sciacalli” sono le offese e le umiliazioni dichiarate da alcuni sindacati di polizia ai media su di noi e chi ci aiutava.
– Il rifiuto di riceverci da parte del vescovo di Ferrara.
– L’indagine per calunnia subita dagli avvocati Fabio e Riccardo che si ribellavano alle dichiarazioni ufficiali rilasciate dai vertici di Procura e Questura.
– Le offese rivolte alla memoria di Federico dai difensori degli imputati durante il processo nell’impossibilità per lui di difendersi.
– Le offese rivolte alla memoria di Federico definito “povero disgraziato” dal procuratore Minna intervenuto nel processo bis a difesa della dott.ssa Guerra.
– La querela della dott.ssa Guerra nei miei confronti, nonostante lei non sia andata sul posto, non abbia sequestrato i manganelli e le auto, non abbia raccolto testimonianze se non quella spontanea di Anne Marie Tsegueu e non abbia indagato i poliziotti che 6 mesi dopo, poco prima di lasciare il caso. Non ha avuto conseguenze disciplinari eppure ha querelato me e La Nuova Ferrara che ha riportato la notizia della condanna in primo grado di suo figlio per spaccio di droga.

Elenco degli angeli incontrati dopo che mio figlio è morto per mano di quattro poliziotti. E’ un elenco qui molto parziale perché la realtà include una moltitudine di persone che ci hanno sostenuto manifestando il loro senso civico, l’esigenza umana e sociale di trasparenza e di giustizia:

– Fabio Anselmo, avvocato. A lui si sono affiancati Venturi, Gamberini e Del Mercato. E’ diventato la voce di Federico in Tribunale e fuori dalle aule. E non solo per Federico, anche per Stefano Cucchi, Giuseppe Uva e diversi altri. Assume un ruolo politico perché non ha paura di schierarsi contro chi commette abusi di potere. Riceve minacce, richiami e querele.
– Il popolo del blog costantemente presente.
– Il cardinal Ersilio Tonini, arcivescovo di Ravenna. Insieme a don Domenico Bedin ci ha trasmesso il calore della fede e il calore umano della condivisione e della solidarietà.
– Anne Marie Tesgueu, la cittadina di via Ippodromo. Ha dato a tutti una lezione di civiltà.
– Nicola Proto, il magistrato che ha avuto il coraggio di fare il suo dovere senza condizionamenti e lavorando in un clima difficilissimo perché fosse fatta giustizia.
-Gaetano Sateriale, sindaco di Ferrara, che si è ribellato all’ipocrisia delle versioni ufficiali in una città che aveva paura di conoscere la verità, rompendo il nostro isolamento.
– Dean Buletti, Checchino Antonini, Cinzia Gubbini e tutta la stampa che ha impedito che venisse calato un velo sulle circostanze della morte di mio figlio, e Filippo Vendemmiati che ha salvato la memoria di ciò che è successo con il suo prezioso film “E’ stato morto un ragazzo”.
– Francesca Boari, che ha messo nel libro “Aldro” i sentimenti miei e di Federico togliendoli dall’oblio della morte.
– Gli amici di Federico, a cui voglio un gran bene, e che per me sono ciascuno una parte di lui.