";

/ di

Lello Voce Lello Voce

Lello Voce

Poeta

Sono sostanzialmente un poeta, anche se ho scritto romanzi e collaboro, o ho collaborato, con vari quotidiani e testate internet, ho scritto per la TV, per il teatro e ho diretto svariati Festival di letteratura.

Per me poesia significa respiro, suono, corpo. La poesia ha una sua musica che va eseguita. Dunque non ho pubblicato solo libri, ma anche dischi e DVD, sempre insieme al mio gemello musicale, Frank Nemola e spesso e volentieri con musicisti di buona volontà: Paolo Fresu, Antonello Salis, Maria Pia De Vito, Michael Gross e tanti altri. Perché credo che la poesia sia l’arte più “amichevole” di tutte. E’ nata per fondersi, senza mai perdere identità, per trasformarsi, rinsaldando le sue radici.

Ho importato in Italia il Poetry Slam e sono stato il primo al mondo a condurne uno internazionale, in 7 lingue differenti.

Con Claudio Calia e Frank ho realizzato “Piccola cucina cannibale” (Premio Napoli 2012), un disco che è anche un libro ed è la prima opera italiana di Poetry comics. Ho fondato il blog collettivo di poesia Absolute Poetry.

Ero a Genova nel 2001, in Piazza Alimonda, alle 17,27 del 21 luglio.

Sono disobbediente. Per carattere e per scelta. Fumo molto. Sempre il meglio che posso.

Questo blog sarà dedicato alla poesia, ovviamente, cioè al mondo, ai suoi immaginari, alle sue utopie, alle sue rabbie e ai suoi sogni. Prima di tutto a quella che piace a me: quella che si legge con le orecchie e che si scrive con le corde vocali.

@lellovoce

Tra le mie cose pubblicate –

In poesia

Farfalle da combattimento (Bompiani, 1999 + CD)

L’esercizio della lingua (Le Lettere, 2011 + Dual Disc)

Piccola cucina cannibale (Squi[libri], 2012 + CD)

In Prosa

Il Cristo elettrico (No Reply, 2006) 

Blog di Lello Voce

Cultura - 8 febbraio 2018

Ritratti di Poesia, un festival totale

Continuo a parlarvi di Festival di poesia. Non soltanto perché è proprio grazie ai festival che la “poesia ad alta voce” ha potuto farsi conoscere e acquistare attenzione, ma perché i festival, quando sono buoni festival, sono dei laboratori di incontri, dei crocevia di esperienze, delle porte aperte all’inaudito e all’ancora sconosciuto, sia per i poeti […]
Mondo - 1 febbraio 2018

Colombia: caro ambasciatore, non lasci morire il festival di Medellin

Gentile Signor Ambasciatore della Repubblica di Colombia, sono un ormai attempato poeta italiano e ho bisogno che lei mi ascolti per qualche minuto. Sì, ha ragione, lo so che i poeti sono tipi strani, che non servono a nulla e perdono il loro tempo a mettere in fila parole. Non come lei, che è un diplomatico, un […]
Cultura - 22 gennaio 2018

Duetti #16. Bologna in Lettere e Poesia Carnosa: due festival coraggiosi e autofinanziati

Con la cultura non si mangia, si sa. E si sa altrettanto che quanto pensava l’ex Mani di Forbice Tremonti è una sonora corbelleria. Fatto sta che, quando la crisi è arrivata, nel 2008, i primi a cadere sono stati i più deboli: meglio tagliare sulla cultura, si diceva, che sulla sanità e sulla scuola, o […]
Cultura - 30 dicembre 2017

Duetti #15. Paolo Agrati e Monica Matticoli: la poesia oltre la letteratura

Che poco, molto poco, sia come prima in poesia ormai pare chiaro a molti, se non a tutti. C’è chi depreca, chi stigmatizza, chi s’entusiasma, chi s’arrovella e si domanda. C’è chi si inventa formule ed etichette, nella speranza che gli preservino la sudata nicchia. Ma che si sia a punto di svolta, pare ormai […]
Cultura - 13 dicembre 2017

Premio Alberto Dubito di Poesia con musica, cinque anni dopo siamo sempre Disturbati dalla CUiete

Sono passati ormai cinque anni da quel 14 settembre 2013, quando – nel capannone occupato della ex Telecom di Treviso, che poteva essere sgomberato dalla polizia da un momento all’altro – si tenne la prima edizione del Premio Alberto Dubito di Poesia con musica. All’inizio, più che un progetto chiaro, per tutti noi che avevamo […]
Cultura - 6 dicembre 2017

Poetry Slam a Palazzo Grassi di Venezia, ogni poetica è un guanto di sfida

Torno a parlare di Poetry Slam per vari motivi. Tutti, imho, abbastanza significativi. Il primo è che, dopo essere stato ospitato al MaXXI di Roma l’estate scorsa, lo Slam ora arriva anche a Palazzo Grassi, a Venezia. Nel suo teatrino, infatti, con la collaborazione della valorosissima libreria veneziana MarcoPolo, si terrà il prossimo 14 dicembre il Versus! […]
Cultura - 13 novembre 2017

Duetti #14, la poesia che va ‘oltre’ di Vincenzo Agnetti e Fabio Orecchini

La lingua ribolle, i media la riscaldano sempre più, le carte in tavola (i fogli dei brogliacci, le lingue e i codici dei sistemi) si mescolano e rimescolano continuamente. E così, volenti o nolenti, si torna a parlare di poesia di ricerca. Già, ma cos’è la poesia di ricerca? C’è chi ritiene che si riferisca – necessariamente – […]
Mondo - 6 novembre 2017

Catalogna, qualche domanda impertinente a Cercas e Vargas Llosa sulla situazione catalana

Strano destino è quello dei supposti golpisti catalani, vittima a loro volta di un golpe. Chissà cosa avranno adesso da dire al proposito stimatissimi intellettuali e scrittori, come Cercas, o il marchese Vargas Llosa, che settimane fa innalzavano alte grida in difesa della democrazia violata dai malvagi nazional-golpisti catalani. Non hanno nulla, proprio nulla da […]
Cultura - 20 ottobre 2017

La poesia italiana degli anni Duemila, dialogo con l’autore/ 2

Torniamo ad approfondire con Paolo Giovannetti alcuni aspetti del suo ultimo libro, La poesia italiana degli anni Duemila (Carocci editore). Seconda puntata. (clicca qui per leggere la prima parte) Caro Paolo, rifletti a lungo sulla poesia di “ricerca” e/o d’avanguardia, un tema dibattutissimo sino alla fine del secolo scorso. Data per scontata la fine della […]
Cultura - 16 ottobre 2017

La poesia italiana degli anni Duemila, dialogo con l’autore /1

Esce in questi giorni, presso Carocci, La poesia italiana degli anni Duemila – Un percorso di lettura, di Paolo Giovannetti, uno dei critici italiani più attenti alla contemporaneità. Ed è un libro che, credo, farà molto parlare e discutere, se non altro perché si assume il rischio, spesso volentieri evitato da altri, di tentare di […]
Quattro mezze cartelle / 17: Verranno a prendermi
Fabrizio Denunzio, se per Jules Verne l’unico colonialismo buono era quello francese

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×