Tesla ha comunicato il richiamo virtuale di quasi 1,1 milioni di auto per problemi di “schiacciamento” dei finestrini, il cui sistema di retromarcia automatica potrebbe non reagire correttamente dopo aver rilevato un ostacolo, aumentando il rischio di lesioni.

Il costruttore americano di veicoli elettrici ha comunicato alla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) che eseguirà un aggiornamento software over-the-air del sistema di inversione automatica dei suddetti finestrini, sufficiente a risolvere il problema. Il richiamo riguarda alcuni veicoli Model 3 (2017-2022), Model Y (2020-2021) e Model S e Model X (2021-2022).

L’NHTSA stessa ha spiegato che un finestrino che si chiude senza un adeguato sistema di retromarcia automatica può esercitare una forza eccessiva pizzicando il conducente o il passeggero prima di ritrarsi.

Va specificato che l’azienda californiana, che ha scoperto il problema durante i test di produzione in agosto, ha fatto sapere di non essere a conoscenza di segnalazioni, incidenti, lesioni o decessi legati al suddetto malfunzionamento. I proprietari dei veicoli interessati dall’aggiornamento software saranno avvisati a partire dal 15 novembre, mentre le nuove auto in produzione hanno ricevuto l’aggiornamento a partire dal 13 settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercato auto UE, ad agosto torna il segno positivo: immatricolazioni in crescita del 4,4%

next