Troppo distanti per avere un collegamento fra loro. I terremoti che a distanza di poche ore hanno scosso Sicilia, Marche, Liguria ed Emilia Romagna sono stati generati da un meccanismo diverso. “Non c’è alcuna relazione: le distanze fra i luoghi in cui sono avvenuti i terremoti sono di centinaia di chilometri perché possa esserci un nesso”, ha spiegato il sismologo Carlo Meletti, della sezione di Pisa dell’Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia (Ingv). “È curioso che dopo un periodo di apparente calma si siano verificati quattro terremoti un po’ più forti e avvertiti dalla popolazione”, ha aggiunto riferendosi al fatto che “negli ultimi tre mesi abbiamo avuto in Italia solo una scossa di magnitudo superiore a 4”. Di fatto, ha detto Meletti, “avere due terremoti importanti nello stesso giorno è solo una variazione statistica”.

Dei quattro terremoti, il più profondo (24 chilometri) è quello avvenuto alle 12.24 nelle Marche, a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno, e la cui magnitudo è stata calcolata in 3.9. Vengono subito in mente i terremoti tipici dell’Appennino, ma questo è un sisma diverso: “È localizzato lungo la costa delle Marche, in una fascia esterna che ha una sua sismicità”, ha detto l’esperto. “Il terremoto è stato generato da un meccanismo trascorrente, ossia dallo scorrimento laterale di strutture profonde”, mentre i terremoti appenninici sono di tipo distensivo e generati da strutture più superficiali.

Ha le sue peculiarità anche il terremoto di magnitudo 4.1 avvenuto in Liguria, a Bargagli (Genova). “È una zona non molto sismica e nella quale non si sono rilevati storicamente terremoti troppo forti”. Anche in questo caso il meccanismo è diverso da quello tipico dei terremoti dell’Appennino: “È infatti di tipo compressivo – ha detto Meletti – perché questa zona della Liguria è nell’area di congiunzione fra l’Appenino a Est e l’arco alpino a Ovest”. I sismi più forti avvenuti in passato in questa zona hanno avuto una magnitudo fra 4 e 5.

Anche il terremoto di magnitudo 3.6 in Sicilia, a Paternò (Catania), ha caratteristiche particolari: sebbene sia avvenuto nell’area dell’Etna, è stato generato da un meccanismo indipendente dal vulcano e legato a faglie che si trovano nella zona. “Paternò si trova in una zona alle pendici dell’Etna nella quale si sta rilevando una sismicità frequente da qualche settimana. Per questo – ha aggiunto il sismologo – non deve sorprendere”. A generare il terremoto “potrebbero essere state faglie sismogenetiche importanti che si trovano a Sud dell’Etna e indipendenti dall’attività del vulcano”. Potrebbe invece essere un tipico terremoto dell’Appennino quello di magnitudo 3.8 avvenuto a Pievepelago (Modena), “sul crinale fra l’Emilia e la Garfagnana, una zona sismica ben conosciuta e della quale, purtroppo sappiano che ha una sismicità frequente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Molise, i malati oncologici rischiano di perdere la radioterapia: l’unico centro (privato) minaccia lo stop se non ottiene più fondi pubblici

next