Spettatori e tifosi inferociti. Il campionato di calcio di Serie A non è iniziato nel migliore dei modi, almeno per chi cercava di seguire le partite da casa. I disservizi Dazn, la piattaforma dei contenuti sportivi in streaming che ha conquistando il pacchetto con la maggioranza delle partite in esclusiva, hanno scatenato una forte protesta non solo da parte dei tifosi. La polemica, infatti, ha coinvolto anche i politici di tutti gli schieramenti, in questi giorni impegnati nella campagna elettorale. I problemi si sono verificati prima con alcuni black out durante Lazio-Bologna e poi ancora per Salernitana-Roma e Spezia-Empoli. Dazn aveva già scritto sui propri social scusandosi per l’inconveniente, intervento che non ha placato la furia degli utenti-tifosi.

Dopo il polverone di critiche sollevato sui social oggi è arrivato l’intervento di Agcom. L’Autorità per le Garanzie nella Comunicazione fa sapere in una nota di aver chiesto alla piattaforma di streaming “chiarimenti urgenti” su quanto accaduto e “di provvedere celermente a erogare gli indennizzi previsti dall’ultima delibera dell’Autorità”. “Agcom si riserva, a seguito degli approfondimenti e delle proprie valutazioni di adottare ogni iniziativa che si renderà necessaria”, conclude la nota.

Immediata la risposta della piattaforma streaming: “Consapevole di quanto sia importante il proprio servizio per gli appassionati di sport” Dazn fa sapere, in una nota, di prendere “questa responsabilità seriamente” chiedendo scusa agli utenti “che non sono riusciti ad accedere al proprio account durante il weekend”. Quanto accaduto viene definito come “un evento di natura eccezionale“. Precisando che forniranno “nuovamente un’alternativa per seguire gli eventi in diretta, ove necessario”, Dazn sottolinea che provvederà “ad erogare un indennizzo a ciascun cliente interessato, che verrà corrisposto secondo modalità rese note nei prossimi giorni”. “È nostra responsabilità far sì che tutto funzioni. Questo l’impegno che ci prendiamo”, conclude la nota.

Ma è un riposizionamento che non basta alla Lega di Serie A che ha inviato una lettera all’azienda nella quale – spiega l’Ansa – si parla di “pregiudizio e danno irreparabile”, per i disservizi di ieri, e intima alla piattaforma di specificare “entro le 16 di oggi“, come “intende porre in essere ogni idonea azione per far si che i problemi tecnici vengano risolti”. “Questo – aggiunge la Lega – in ragione del fatto che le gare in programma oggi vedono impegnate due società, Juventus e Napoli, con un grandissimo seguito di tifosi/utenti”. La Lega sottolinea che “le rassicurazioni da voi ricevute in vista dell’avvio del campionato con la vostra comunicazione del 2 agosto si sono dimostrate del tutte insufficienti e ci troviamo, ancora una volta, costretti a chiedervi conto dei gravissimi disservizi che hanno danneggiato la visione degli eventi da parte di numerosi utenti durante la prima giornata di campionato”.

La vicenda Dazn ha fatto scatenare i politici di tutti gli schieramenti, da destra a sinistra, da Mauro Berruto e Debora Serracchiani del Pd al segretario della Lega Matteo Salvini che sfrutta l’occasione per riproporre l’hashtag del suo slogan in questa competizione elettorale: “Da abbonato #credo che il servizio che stanno offrendo faccia schifo”. Carlo Calenda interviene su Twitter definendo “una fesseria” l’avere tolto “i diritti a Sky“. “Peraltro colpendo una grande azienda che aveva investito in Italia e fa anche cinema, serie e cultura”, aggiunge il leader di Azione contestando l’aggiudicazione di Dazn dei diritti televisivi della Serie A. E mentre Maurizio Gasparri di Forza Italia parla di un “avvio vergognoso per il campionato” contestando a Dazn di “alzare i prezzi ma peggiorare il servizio”, il segretario di Più Europa, Benedetto Della Vedova, accusa “Lega Calcio e Dazn” di aver “sequestrato il Campionato di calcio ai tifosi paganti”. E’ intervenuta anche è la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio con Delega allo Sport, Valentina Vezzali che annuncia la predisposizione di “un tavolo urgente che coinvolga la Serie A, il Mise e l’Agcom, in modo da affrontare il prima possibile quanto accaduto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Delirio Milan per la prima di campionato dei rossoneri a San Siro. Le voci dei tanti tifosi prima del match di campionato con l’Udinese

next
Articolo Successivo

Il link di Dazn per vedere Verona-Napoli e Juventus-Sassuolo, la pagina alternativa per evitare i disservizi

next