Due donne sono morte dopo esser state aggredite da uno squalo mentre nuotavano nel Mar Rosso: si tratta di due attacchi distinti avvenuti nel corso della scorsa settimana lungo le coste dell’Egitto. A dare la notizia è il Ministero dell’Ambiente egiziano, che in una nota pubblicata su Facebook ha fatto sapere che “due donne sono state attaccate da uno squalo mentre nuotavano e sono morte” nella zona di Sahl Hasheesh, a sud di Hurghada. L’agenzia di stampa austriaca Apa ha riferito che una delle vittime è una 68enne della regione del Tirolo che si trovava lì in vacanza, mentre l’identità della seconda vittima non è ancora stata resa nota.

Il Mar Rosso è una popolare destinazione turistica, dove gli squali sono comuni ma raramente attaccano le persone che nuotano entro i limiti autorizzati. Nel 2018, un turista ceco era stato ucciso al largo di una spiaggia egiziana e già nel 2015 un attacco simile aveva coinvolto un altro turista, tedesco. Nel 2010 vicino alla costa di Sharm el-Sheikh un altro attacco degli squali aveva causato la morte di un tedesco ed il ferimento di altri quattro turisti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo muore per malnutrizione: dichiarata colpevole di omicidio la mamma vegana. A 18 mesi pesava poco più di 7 chili

next
Articolo Successivo

Allarme lumache giganti in Florida, un’intera città in quarantena: “Grandi come un topo, trasmettono un parassita che può causare meningite”

next