“Noi siamo al governo per difendere i pilastri con cui abbiamo migliorato il Paese e il reddito di cittadinanza, con la povertà in aumento, è il minimo sindacale“. Giuseppe Conte così difende una delle misure simbolo del Movimento 5 stelle. “Chi in questo momento sta proponendo di utilizzare i soldi del reddito di cittadinanza per investirli in armi vuole la guerra sociale, quindi non ho dubbi che Draghi continuerà a lavorare con noi per rafforzare e migliorare il sistema del reddito”. Poi, sulla guerra in Ucraina, il presidente del M5s ribadisce la volontà di chiedere un voto in Parlamento su ulteriori invii di armi: “Credo che tanti cittadini italiani vogliano un confronto e un indirizzo chiaro delle forze politiche in Parlamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La senatrice Laura Granato si rifiuta di indossare la mascherina: espulsa dall’Aula. Casellati: “Rispetti le regole”

next
Articolo Successivo

Caro bollette, Conte: “Contrasto a chi specula sulla crisi e tetto al prezzo del gas. Serve un Energy recovery fund o si rischiano costi più alti”

next