“Rispetto alla guerra in Ucraina l’Italia è completamente asservita agli Stati Uniti. E francamente non riesco a capire come possiamo uscire da questa situazione, visto che nel nostro Parlamento non esiste un solo partito di opposizione: ci sono soltanto partiti bellicisti. Per quanto tempo ancora il governo Draghi vuole manipolare l’opinione pubblica?”. Così Alessandro Orsini, ospite di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi in onda sul Nove, ha attaccato il governo Draghi e i partiti sottomessi alla politica di Washington a differenza di Francia e Germania che hanno cominciato a smarcarsi da Biden. “L’articolo 51 della Carta delle Nazioni unite contempla la legittima difesa di uno Stato con l’assistenza di Stati terzi – ha chiesto Sommi – Posizione legittima, quindi, quella dell’Ucraina quando ci chiede aiuti militari?”. “Il diritto internazionale, da che mondo è mondo, non conta nulla quando scoppia una guerra – ha premesso Orsini – . Quando scoppia una guerra conta soltanto la legge del più forte. Questo noi lo vediamo tutti i giorni davanti ai nostri occhi, quindi davvero non riesco a comprendere che cosa ci possiamo fare noi con la carta straccia rappresentata dal diritto internazionale”. Ma la preoccupazione del professore è un’altra: “Il governo Draghi sta discutendo di inviare nuove armi, sempre più pesanti, all’Ucraina. Che cosa vuole fare il nostro presidente del Consiglio? Vuole continuare a nascondersi dietro un dito? Dietro l’Unione europea? Il governo Draghi vuole continuare a manipolare l’opinione pubblica dicendo che è costretto a inviare le armi in Ucraina perché lo fa l’Unione europea, quando ci sono paesi che invece non danno armi? Quando non esiste nessun trattato internazionale che imponga all’Italia di dare armi all’Ucraina e di non fare nessuna iniziativa di pace, nessun trattato internazionale che ci leghi all’Unione europea in questo senso? Cioè per quanto tempo ancora il governo Draghi vuole manipolare, vuole obnubilare, vuole offuscare la realtà? Quanto tempo dovrà durare questo comportamento riprovevole?”, ha concluso Orsini.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Con la propaganda illudiamo gli ucraini di vincere, ma la realtà è che ci saranno solo più morti”

next
Articolo Successivo

Ucraina, Maglie su Nove: “A tutti quelli che vanno in giro con l’elmetto in testa dico: è arrivato il momento di dire la verità”

next