“L’Italia non avrebbe dovuto mandare armi, perché non è un modo per sostenere la giustizia e la forza dell’Ucraina. Una guerra atomica ci distruggerebbe tutti, possiamo fidarci di Putin che non la usi? Se continuiamo a mandare armi in Ucraina, contro quale pericolo andiamo?”. Sono le parole della partigiana Mirella Alloisio, intervistata da Floris a DiMartedì sul sostegno militare all’Ucraina. Secondo la partigiana, oggi 96enne, “l’Italia avrebbe dovuto trovare in tutti i modi soluzioni diplomatiche“. Io, ha ricordato, “sono entrata nella Resistenza perché non ne potevo più delle guerre e del fascismo. Troviamo quindi il modo di impedire un’altra guerra”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, Mannocchi a La7: “Donne e bambini intrappolati nell’acciaieria? Chiediamoci se non siano usati come scudi umani da Kiev”

next
Articolo Successivo

Covid, missione russa in Italia. Conte a La7: “Infamità dire che non ho perseguito l’interesse nazionale. Non emersi elementi di spionaggio”

next