Idea al posto di Ikea. Non si sa ancora bene cosa ne pensino Putin e il governo russo, ma negli uffici del Servizio Federale per la Proprietà Intellettuale della Russia è stato depositato un marchio identico a quello del gigante svedese che vende mobili facilmente montabili per la casa. Sfondo blu e scritta gialla, ma al posto di Ikea c’è scritto, in russo, Idea. Ora, il link del deposito del brevetto è stato pubblicato da alcuni piccoli siti russi di informazione, dove viene scritto che il 21 marzo 2022 la società a responsabilità limitata “Luxorta-Service” di San Pietroburgo ha registrato questo nuovo marchio. A questo punto, a stretto giro di web, che in Italia è diventato in poche ore una valanga, diversi siti polacchi hanno abbozzato alcune considerazioni, ancora non ufficiali.

Se Ikea ha abbandonato il territorio russo, a seguito delle sanzioni occidentali dovute alla guerra provocata dalla Russia in Ucraina, vorrà dire che siamo di fronte ad un’azienda che la sostituirà. Il proprietario della Luxorta-Service, tal Kostyantyn Kukkoev, dopo la chiusura dei negozi Ikea in Russia, ha intentato una causa contro l’azienda svedese, spiega il sito polacco money.pl. “Kukkoev ha così deciso di creare un logo basato sul marchio del marchio svedese e prevede – dopo aver vinto e pagato un compenso – di creare il network Idea in Russia”. Insomma Ikea potrebbe a breve diventare Idea. L’importante è che tra le corsie del nuovo iper ci sia sempre una libreria Billy.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ora legale 2022, stanotte si cambia: ecco come e quando spostare le lancette. Quanto si risparmia con il cambio

next
Articolo Successivo

Avanti un altro, la frase di Paolo Bonolis al concorrente ucraino fa calare il gelo. Lui: “Andava tagliata, mi dissocio”. Mediaset si scusa: “Errore”

next