Grande risultato di ascolti il terzo Festival di Sanremo – vinto ieri da Mahmood e Blanco con “Brividi” – firmato da Amadeus. Il dato complessivo – che comprende anche i minuti della proclamazione del vincitore, rilevati separatamente – è il più alto dal 2000: 13 milioni 205 mila spettatori con il 65 per cento di share. Entusiasmo da parte dell’Amministratore Delegato della Rai Carlo Fuortes all’ultima conferenza stampa del Festival: “Il successo principale da celebrare è l’entusiasmo del pubblico più giovane, quest’anno, nei confronti del Festival. Non era scontato. Il pubblico è sempre più intelligente di quello che si vuole far credere…Il Festival di Sanremo è un rito collettivo nazionale che prima era solo sul televisore e adesso è riuscito a passare sui telefonini e sulle piattaforme digitali. Credo che il Festival di quest’anno indichi una linea di sviluppo, una traiettoria molto evidente per il futuro. C’è chi mi ha consigliato di mettere sul cavallo della Rai Amadeus! Amadeus per il quarto anno? Squadra che vince non si cambia. Il primo a volerlo deve essere Amadeus. Ovvio che dopo questo successo sarebbe ideale ripartire da lui. Ne parleremo presto”. Poi è intervenuto il direttore di Rai Uno Stefano Coletta “ A vincere in questo Sanremo è la metodologia che sposa la perfezione in tv. Quando a una narrazione orizzontale si sposa la narrazione verticale delle singole serate”. Il vice direttore di Rai Uno Claudio Fasulo ha aggiunto un dato interessante: “Al televoto Mahmood e Blanco hanno avuto il 54% del televoto, 23% per Morandi, 21% per Elisa. Nelle altre due giurie (Demoscopica e Sala Stampa) c’era lo stesso ordine della classifica finale dei primi tre posti” .

“Oggi è tutto estremamente bello e gioioso e mi sembrava di vivere un sogno . Questo Sanremo è figlio dello scorso anno, dove qualcuno si è limitato a guardare solo il dato d’ascolto. – ha spiegato Amadeus – È stato un Sanremo molto importante perché io ho pensato a un qualcosa che sembrava una follia: trasformare musicalmente il Festival. Devo ringraziare il direttore Coletta che mi ha sostenuto in tutto e per tutto. Lì ho deciso di dare al pubblico soprattutto ai più giovani – che avevano attraversato un periodo difficile per il lockdown – una proposta che fosse più vicina a loro. Però la musica non ha età e in un anno di tristezza quando sei a casa da solo per guardare e il Festival, senza aggregazione, non hai lo spirito per seguirlo. Poi hanno vinto i Maneskin e tutto il successo ne è seguito. L’azienda ha capito che i giovani sono una preziosa risorsa. Questo è quello che abbiamo fatto oggi”.

IL FERILLI GATE? “SCHERZAVA DIETRO LE QUINTE”

C’è stato anche spazio anche per chiarire su quanto accaduto ieri dietro le quinte e sul palco con Sabrina Ferilli. Molti telespettatori e sui social hanno notato momenti di tensione da parte dell’attrice, culminati da una frase pronunciata a microfono aperto dietro le quinte: “Lì sta facendo il pezzo di m***a”. A chi si riferiva la co-conduttrice? Noi di FqMagazine l’abbiamo chiesro ad Amadeus: “Sabrina è sempre voluta rimanere su uno sgabello dietro le quinte. Parlava con tutti, come parla normalmente, nel suo modo e commentava tutto quello che succedeva. Non c’è stata nessuna tensione sul palco, era lì che animava il dietro le quinte. Quindi la frase che avete sentito era riferita a qualche siparietto che stava accadendo e il tono era assolutamente scherzoso. Poi è anche inciampata dietro le quinte e ha detto cose per cinque minuti che non si possono riferire”.

AMADEUS: “BRIVIDI, TRA LE PIÙ BELLE DEI MIEI FESTIVAL”

“Brividi mi ha fatto venire davvero i brividi quando l’ho ascoltata – ha aggiunto a FqMagazine il direttore artistico e conduttore – la prima volta. Ero con un impianto audio di qualità e mi ha colpito molto perché è stata scritta benissimo. Una canzone di una eleganza pazzesca e il successo che hanno avuto Mahmood e Blanco è meritatissimo. Non ipotizzavo una vittoria. ma è stata una delle più belle dei miei Festival”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domenica In Speciale Sanremo, tutti gli ospiti di Mara Venier: ecco la scaletta in anteprima esclusiva

next