Il green pass diventa illimitato per chi è vaccinato con tre dosi: è l’annuncio fatto dal governo mercoledì sera dopo aver dato il via libera in Consiglio dei ministri al nuovo decreto Covid. Il provvedimento serve a mettere una pezza a una situazione che rischiava di esplodere tra meno di un mese, quando chi aveva fatto il booster a settembre rischiava di rimanere senza certificato. Dunque, dopo aver fatto scattare la riduzione della durata del green pass da nove a sei mesi, entrata in vigore il primo febbraio, il governo Draghi ha nuovamente messo mano alle regole. Il risultato è una babele di norme che hanno cambiato le carte in tavola, come detto, anche a distanza di poche ore. In conferenza stampa il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato: “Prolunghiamo la durata del green pass dopo il booster“. Ma non ha spiegato cosa succede ai guariti, che in Italia sono oltre 8 milioni di persone. Per scoprirlo, bisogna andare tra le pieghe dei decreti, vecchi e nuovi. Esistono almeno 10 casistiche diverse. Ecco, caso per caso, quanto dura la validità del green pass:

Una dose: il green pass ha validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale con la seconda dose.

Due dosi: il green pass ha validità di sei mesi a far data dal completamento del ciclo vaccinale primario con la seconda dose.

Tre dosi: il green pass ha validità illimitata a far data dalla dose di richiamo (booster).

Tre dosi + guarigione: il green pass ha validità illimitata a decorrere dall’avvenuta guarigione.

Guarigione + una dose + booster: il green pass ha validità illimitata a far data dalla dose di richiamo (booster).

Una dose + guarigione + booster: il green pass ha validità illimitata a far data dalla dose di richiamo (booster).

Guarigione + una dose + guarigione dopo un nuovo contagio: il green pass ha validità illimitata a decorrere dalla seconda guarigione.

Guarigione: il green pass ha validità di sei mesi a decorrere dall’avvenuta guarigione.

Guarigione + una dose: il green pass ha validità di sei mesi a far data dal completamento del ciclo vaccinale primario con una sola dose.

Una dose + guarigione: il green pass ha validità di sei mesi a decorrere dall’avvenuta guarigione.

Guariti, un’avvertenza: il ciclo vaccinale primario viene considerato completato con una sola dose se questa è stata somministrata dopo la guarigione, oppure su l’accertata positività al Covid è avvenuta oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose. Se invece il contagio è avvenuto entro il 14esimo giorno dalla prima somministrazione, è indicato il completamento del ciclo vaccinale con una seconda dose da effettuare entro sei mesi (180 giorni) dall’accertata positività. Nel frattempo si ottiene comunque il green pass per avvenuta guarigione, che ha validità appunto di 6 mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, bambino di due anni cade dall’ottavo piano di un palazzo e muore

next
Articolo Successivo

Covid, Oms: “Tregua in Ue, può preludere alla fine della pandemia”. Ema: “Un secondo booster? Ad oggi prove insufficienti”

next