L’avete già vissuto nei sogni, è arrivato il momento di realizzare il vostro matrimonio in quell’angolo di mondo che avete sempre desiderato. Voi due, oltre confine, l’incipit di un’avventura da condividere. Quando si parla di travel wedding non si intende solo la classica luna di miele, si può pianificare anche un matrimonio fuori dall’ordinario, in qualche paradiso distante che avvicinerà per sempre i ricordi rendendoli indelebili. È semplice realizzare il vostro desiderio con Made by Turisanda, che organizza cerimonie dal valore legale o simbolico con abiti e rituali tradizionali in location uniche, esperienze memorabili ed immersive. Immaginate il suono delle onde alle Maldive, il fragore delle cascate a Bali, il richiamo del caribù nelle foreste del Canada, forse riuscirete anche a sentire il tintinnio delle coppe di sakè di un rito shintoista, il motivetto rock di un matrimonio a Las Vegas oppure il vostro “sì” che rompe il silenzio nell’Isola di Pasqua. L’amore ha infinite melodie, tutte senza confini.

Matrimonio tropicale: Bali e Maldive

Nozze ai tropici per gli amanti del sole e del mare, delle spiagge candide e soffici come borotalco, degli entroterra lussureggianti, e della magia della barriera corallina. Location da cartolina ma anche una scelta introspettiva in perfetta comunione con la natura, un misticismo a tratti primordiale ricco di significati, soprattutto a Bali, l’affascinante isola nel cuore verdissimo dell’Indonesia. Questo paese è un eden che incanta, anche per il calore della sua gente: sposarsi a Bali con rito induista è una vera e propria festa dove partecipa tutta la comunità, famiglia reale compresa. Un tripudio di colori, musiche e profumi, allegria che contrasta con la purezza e la semplicità del rito che si svolge a Tabanan, nella tipica casa della famiglia reale, decorata con fiori e foglie di palma intrecciate e con fiaccole. Il rito è benedetto da Brahma, Shiva e Visnu, e il simbolo dell’unione è un fiore bianco.

Dall’anima variopinta dell’Indonesia, al blu intenso delle Maldive, una miriade di atolli dalle spiagge perlacee. Quest’arcipelago è il paradiso per chi ama il mare: tutte le cerimonie che si svolgono nelle sue isole sono intimamente connesse alla sua dimensione, che si tratti di un semplice rito a pochi metri dalle onde, alle cerimonie nel mezzo dell’oceano celebrate su imbarcazioni tradizionali, ai matrimoni sott’acqua. Tutt’altra dimensione quella dei sub, un matrimonio a quattro atmosfere è un’occasione più unica che rara, tra i coloratissimi “invitati” della barriera corallina. Per chi non è pratico di bombole, pinne e boccaglio, altrettanto esclusiva è la cerimonia nel ristorante “underwater” dell’Hurawalhi Island Resort che include una cappella e 5,8 metri di profondità.

Le atmosfere del nord America: Stati Uniti e Canada

La follia di una notte o il sogno di una vita, le nozze a Las Vegas sono il desiderio di tante coppie. Considerata la città dei matrimoni per eccellenza, detiene un record di 150.000 cerimonie ogni anno, più di 400 al giorno, una ogni dieci minuti, 24 ore su 24. Il cinema l’ha consacrata come la mecca dei matrimoni “fast”, tra una roulette russa e un eccesso in qualche bar, la verità è che a Las Vegas ci si può sposare in ogni modo: semplice, eccentrico o in grande stile, sempre con un tocco di originalità. Il rito si svolge in una delle Wedding Chapel, dislocate, soprattutto sulla strip, la striscia, la strada su cui si affacciano tutti i più grandi Hotel-Casinò-Resort. Dimenticate il timore di una cerimonia in serie, Las Vegas vanta una tradizione storica che risale all’Ottocento quando era ancora una terra di frontiera. Qui i pellegrini di passaggio potevano ottenere velocemente le licenze matrimoniali e sposarsi senza attendere le lunghe pratiche previste negli stati puritani o cattolici. Oggi il matrimonio a Las Vegas può essere una semplice cerimonia “Say I Do” o una più ricercata “The Romance“.

Tutt’altra atmosfera è quella di un matrimonio in Canada, ideale per gli amanti del freddo inverno. Un’esperienza indimenticabile in un autentico Ice Hotel all’interno del Duchesnay Ecotouristic Centre, la prima struttura in ghiaccio del Nord America, a trenta chilometri da Quebec City. Un regno cristallizzato immerso nella natura selvaggia e ammantata di neve, una location magica dove tutto sembra una favola: dalla cerimonia nella cattedrale di ghiaccio, al pernottamento in stanze di ghiaccio. Brindisi agli sposi con bicchieri di ghiaccio, un menù esclusivo su piatti di ghiaccio. Ospiti freddolosi? Se l’amore non basta a scaldare i cuori, niente paura, le zone benessere e i bagni sono ben riscaldati.

Matrimonio alla fine del mondo: Giappone e Isola di Pasqua

Per le coppie che desiderano celebrare le proprie nozze dall’altra parte dell’emisfero, Made ha pensato a delle esperienze in grande stile, dove nasce il sole e dove lo salutano per ultimi. L’atmosfera di un matrimonio shintoista in Giappone racchiude tutta la suggestiva atmosfera d’Oriente. La cerimonia si svolge nel “Kōfukuden”, il Padiglione della Felicità, tempio sacro situato all’interno del complesso dello storico hotel giapponese New Otani a Tokyo. Le nozze nipponiche descrivono una profonda sacralità in comunione con la natura. Kimono colorato, oppure il tradizionale abito bianco, “shiromuku”, per la sposa, preghiere e benedizioni, tre piccoli sorsi di sakè e rametti di una pianta sempreverde da tenere in mano, da offrire alle divinità, simbolo della sincerità delle intenzioni, e il consueto scambio degli anelli che non conosce latitudini e longitudini. Così nell’isola più remota del pianeta, a 3.600 km dal paese alla “fine del mondo”, il Cile. Stiamo parlando dell’Isola di Pasqua dove si celebrano le nozze Rapa Nui, una cerimonia ancestrale che invoca la benedizione della comunità, della natura e degli spiriti del cielo. Hanga Tuai”, è una cerimonia mistica e fortemente emozionale che evoca la genealogia degli sposi. Gli antenati e le forze della natura concorrono alla gioia della coppia che sancisce il loro legame su un pezzo di “Mahute”, la fibra vegetale dove imprimono l’impronta delle loro mani spalmate di Kiea. Il certificato consacra la loro unione secondo la tradizione dell’isola e solo dopo la sua “firma” si procederà con il pranzo di nozze, l’Umu Tau” a base di gallina bianca e tuberi che crescono solo sull’isola, cucinato nella terra con pietre vulcaniche e coperto con foglie di banana e terra. Il matrimonio in quest’angolo di mondo è tra gli sposi e Madre Natura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abu Dhabi: i ritmi lenti di una città che corre veloce

next
Articolo Successivo

Le spiagge più belle delle Seychelles, l’arcipelago da cartolina

next