“L’età che ho lo rende estremamente impegnativo perché non siamo abituati a vedere corpi non trattati sullo schermo”. Già. Emma Thompson a 62 anni fa un scena di nudo in Good Luck to You, Leo Grande, pellicola appena presentata al Sundance Film Festival. E dice il vero: siamo abituati a vedere corpi perfettamente ritoccati, che stanno dentro certe caratteristiche. “Non credo che avrei potuto farlo prima dell’età che ho. Uno dei grandi trionfi del film è che presenta un corpo non perfetto. È molto difficile stare nudi a 62 anni e in questo caso la mia età è stata un fattore sia positivo sia negativo”. Lei ha fatto ricordo alla chirurgia estetica? “Onestamente penso che tagliarsi qua e là per non dare l’impressione di fare quello che si sta effettivamente facendo, ovvero invecchiare, che è una cosa del tutto naturale, sia una forma di psicosi collettiva. Credo davvero che sia una cosa molto strana da fare”. Parole che andrebbero divulgate una volta al giorno: “Dovermi guardare allo specchio con serenità senza un sentimento di giudizio o desiderio di cambiare, è qualcosa che nella vita non mi è capitato – ha detto ancora Thompson – Questo dice molto della mia storia di donna e dei confronti con immagini impossibili che tutte noi subiamo. È la tragedia intorno al corpo femminile che dobbiamo assolutamente interrompere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eric Clapton: “I vaccinati sono vittime di ipnosi. Amici e parenti? Pensano che io sia uno svitato”

next
Articolo Successivo

Lady Gaga: “Ho fatto l’amore con Salma Hayek in mezzo ai gatti”

next