Cristina Marino parla di sé in un’intervista al Corriere della Sera. E di suo marito Luca Argentero. Imprenditrice, attrice, influncer, mette subito le cose in chiaro: “Se fossi stata gelosa non avrei potuto sposare Luca Argentero, sarei stata matta! Su di lui sono tranquillissima, assolutamente — racconta — ma mi irrita la mancanza di rispetto di alcune donne”. Marino, 30 anni, con Argentero ha una figlia, Nina Speranza. L’attrica spiega: “Mi indispongono le donne che davanti a me palesemente sono invadenti, che urlano “Oddio ti amo”, “Oddio che bello”, come se io di fianco, per esempio, non ci fossi. Non sono frasi giustificabili solo perché è famoso. Ci sono tanti modi per manifestare il proprio essere fan, ben venga quello educato”. Marino racconta della decisione di non postare foto della figlia sui social per evitare che vada incontro a commenti eccessivi o “da bar” e precisa che se è vero che in molti le dicono che lei è la donna più fortunata d’Italia, “anche a lui è andata benissimo”. Marino parla anche della sua piattaforma dedicata al benessere: “Befancyfit è nata come voglia di condividere la mia grande passione per il fitness. Pubblicavo su Instagram i miei allenamenti, il mio profilo social cresceva e tutti mi chiedevano le modalità dei workout. Quello che cerco di trasmettere è che stare bene è uno stile di vita, con una disciplina rigorosa, che impone di autogestirsi con corsi studiati ad hoc per gli utenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michael Madsen, morto il figlio 26enne di Hudson: “Si sospetta suicidio”

next
Articolo Successivo

Belén Rodriguez paparazzata con Michele Morrone e l’ex Andrea Iannone: “Fino a tarda notte…”

next