“C’è chi dice che io e Briatore siamo tornati insieme? Ci siamo visti a Roma, poi sono andata a Malindi e la gente ha tirato le somme, era inevitabile… Il nostro è un equilibrio anomalo, ma funziona. E non voglio rovinarlo”. Parola di Elisabetta Gregoraci. Le immagini della sua vacanza di Natale a Malindi, in Kenya, assieme al figlio Nathan e l’ex marito Flavio Briatore non sono passate inosservate e subito si sono scatenati i gossip sul ritorno di fiamma tra i due: intervistata dal settimanale Oggi, è la stessa showgirl a chiarire come stanno le cose tra loro.

“Flavio e io abbiamo un bel rapporto, siamo complici. A Monte Carlo, dove viviamo a 500 metri di distanza, lui viene spesso a pranzo o a cena per vedere Nathan. Stiamo bene così“. Ed è perentoria nel commentare l’ipotesi dell’esistenza di un contratto siglato con l’imprenditore con una clausola che le impedirebbe di farsi fotografare con altri uomini: “Quella è una leggenda metropolitana che mi fa vomitare. Lo scriva: vo-mi-ta-re. Ma secondo lei io firmerei mai qualcosa del genere?”. Elisabetta Gregoraci ha quindi svelato di avere molti corteggiatori: “Mi mandano lettere, fiori, cioccolatini. Sono galanti, però finora nessuno mi ha fatto perdere la testa. Ma io sono ottimista, so che la persona giusta arriverà. Anche se per mio figlio Nathan io agli uomini non dovrei pensare mai più. Mi vuole tutta per sé…“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Katia Ricciarelli furiosa contro Davide Silvestri: “Ti tiro una sberla, maleducato. Questa non te la perdono”

next
Articolo Successivo

Un altro lutto per la regina Elisabetta: morto il suo caro amico Ivor Herbert

next