Il principe Harry non ha dubbi: coloro che in seguito alla pandemia hanno lasciato il lavoro hanno fatto bene se quel lavoro non li rendeva felici. Così il duca di Sussex intervistato da Fast Company Magazine ha commentato la ‘Great Resignation“, l’ondata di dimissioni negli Usa: “Molte persone, in tutto il mondo, sono state bloccate in lavori che non hanno portato loro gioia, e ora mettono al primo posto la loro salute mentale e la loro felicità. Questa è una cosa da celebrare”. Secondo Harry d’Inghilterra “questi problemi si stavano già affacciando da qualche anno. Adesso ci troviamo di fronte a una presa di coscienza generale sul ruolo della salute mentale. Ecco perché bisogna continuare a tenere viva la discussione su questo argomento”. La salute mentale sta molto a cuore al marito di Meghan Markle e ha deciso di parlare della sua in The Me You Can’t See, un documentario visibile su Apple tv e prodotto insieme ad Oprah Winfrey. Non solo, Harry è ai vertici della Better Up, una start up che si occupa proprio di salute mentale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prima della Scala, tutti i vip presenti e i look: da Giorgio Armani (con la mascherina azzurra) a Marracash e Cesare Cremonini. Ornella Vanoni costretta a dare forfait – FOTO

next