La cucina, un affare di famiglia. O almeno, le ricette preparate a casa, con dei piccoli ‘segreti’, sono sempre le migliori. La storia di cucina e sorellanza è quella di Fola, Marianne, Yossie e Lola che nel 2007 si sono trasferite dalla Nigeria al Regno Unito. Le quattro hanno aperto un locale di “puff puff“, dolce tipico del loro Paese. La storia ha già un contorno da serie tv, perché per farlo le sorelle hanno preso il negozio del nonno. Ed ecco il Puff Puff Ministry a Wood Green, nel nord di Londra. Il puff puff è un impasto fritto in piccole palline. “La nostra missione è quella di rendere il puff puff uno dei dessert più amati del Regno Unito. Tutti conoscono brownies, biscotti, cupcakes e abbiamo pensato, ‘perché il puff puff non può essere alla pari con questi?'”. Parole di Marianne riportate da MyLondon. Le sorelle hanno le idee chiare: sono due gli ingredienti che hanno aggiunto all’impasto, Oreo e Nutella. Per dare alle persone “familiarità” e allo stesso tempo fargli scoprire qualcosa di nuovo. Come sta andando la loro impresa? Così bene che hanno dovuto chiudere il sito (momentaneamente) per eccesso di richieste.

Ingredienti del puff puff (circa 60 palline):

  • 2 tazze di farina
  • 2 tazze d’acqua
  • ½ tazza di zucchero
  • 2 cucchiaini di lievito
  • olio vegetale

(Ricordarsi di far lievitare bene l’impasto – circa 2 ore e mezza – prima di friggere. E se volete imitare le ragazze del Puff Puff Ministry aggiungete la Nutella…)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uccisa Jacqueline Avant, la moglie del produttore Clarence Avant: “Colpita a morte dai ladri durante una rapina in casa”

next
Articolo Successivo

Carlos Santana si prende una pausa: “Sentivo un dolore al petto e ho chiesto a mia moglie di portarmi in ospedale”. Ecco cos’è accaduto

next